app-ios

Come utente iOS è probabile che ti capiti di trovare un’applicazione sul tuo dispositivo che devi cercare tra pagine e pagine di icone. Per semplificare questa ricerca, ti offriamo consigli pratici per organizzare le tue app per iPhone e iPad in modo più efficace.

Prima di procedere, ricorda che puoi cercare l’app di cui hai bisogno in Spotlight, a condizione che ricordi il suo nome. Anche se questo non è un consiglio per l’organizzazione delle app, è un modo molto utile per trovare quello che stai cercando. Per farlo, scorri verso il basso sulla schermata iniziale per visualizzare la barra di ricerca o scorri verso sinistra e tocca Cerca: ora scrivi il nome dell’applicazione. Un’altra alternativa è semplicemente chiedere a Siri di aprire l’applicazione.

Leggi anche: iOS 11.3: il prossimo aggiornamento permette di controllare il rallentamento di iPhone

1- Scegli uno schema

È possibile accedere all’ordine delle applicazioni da approcci diversi, ma funzionano solo se si applicano e si seguono le proprie regole. Ad esempio, prendi in considerazione l’organizzazione delle tue applicazioni:

In ordine alfabetico: sebbene questo suggerimento si sia dimostrato efficace, puoi generare troppe schermate iniziali se non usi le cartelle. Prendi in considerazione la possibilità di creare “contenitori” di cartelle per le tue applicazioni, ad esempio: “AC”, “DF” e così via.

Per colore: forse il tuo cervello funziona meglio associando i colori. Uno schema come questo può vedere raggruppati Facebook, Twitter e LinkedIn, mentre WhatsApp, Messages e Spotify formerebbero un altro gruppo.

Per associazione: collocare applicazioni simili fianco a fianco è un’altra opzione. Potresti avere uno schermo per strumenti di lavoro come Slack, Evernote e OneDrive, alcuni giochi in un altro e un nucleo centrale con le app che usi maggiormente nella schermata principale.

2 – Fare un uso migliore delle cartelle

Uno dei modi per aumentare l’utilità del dock iOS consiste nel posizionare una cartella al suo interno. La cartella sarà comunque accessibile da qualsiasi schermata principale ed è una tecnica utile se hai molte applicazioni preferite che stai cercando in ogni momento.

Non c’è limite al numero di cartelle che puoi inserire nel dock, ma due sembrano essere un limite ragionevole. Questa parte della schermata principale è progettata per applicazioni che richiedono un accesso rapido costante.

3 – Creare una schermata iniziale che sia utile per voi

Anche se sembra ovvio, tutti usano il proprio dispositivo in modo diverso. Alcuni lanciano le stesse quattro applicazioni ogni giorno e raramente cambiano, mentre altri scaricano dieci giochi a settimana.

La prima schermata principale è per le tue applicazioni più utili. È preferibile lasciare le cartelle per il secondo schermo, poiché questa prima schermata fornisce l’accesso one-touch alle applicazioni utilizzate più frequentemente.

4 – Elimina le cose che non ti servono

iOS 11 ha introdotto una funzionalità molto richiesta: le app stock che è possibile rimuovere. Apple ora ti consente di scaricare applicazioni come Contatti e Azioni dall’App Store, in modo da poter eliminare ciò che non vuoi finché non ne hai davvero bisogno.

Tra le applicazioni che è possibile eliminare, o almeno seppellire in una cartella: Fotocamera, Timer/Sveglia/Orologio e Calcolatrice. Tutte queste applicazioni possono essere lanciate dal Control Center. Allo stesso modo, l’app di posta nativa, particolarmente improduttiva se si utilizza Gmail o un’altra applicazione di posta elettronica iOS.