Prossimo iPhone: forse lo controlleremo con lo sguardo

Apple sta già già lavorando alla prossima generazione di iPhone e le ultime notizie indicano che potrebbe fare a meno del touchscreen e mostrare una curvatura graduale su tutta la superficie. Tuttavia, secondo Bloomberg, questa nuova versione potrebbe richiedere più di due anni per raggiungere gli utenti.

Citando fonti interne e vicine ai progetti, secondo il sito gli utenti dovranno solo avvicinare il dito allo schermo, senza doverlo toccare ma tenendo solo conto della vicinanza del dito sul display. E questo per usare qualsiasi funzione all’interno del dispositivo.

Un’altra novità che potrebbe trovarsi sul nuovo iPhone del gigante di Cupertino è un display gradualmente ricurvo dall’alto verso il basso. Vale la pena ricordare che l’iPhone X ha uno schermo OLED da 2,5 K di 5,8 pollici e presenta una leggera curva in basso, ma in modo quasi impercettibile.

Si ricorda che Apple dovrebbe annunciare tre nuovi smartphone nel 2018. Secondo un rapporto pubblicato ancora da Bloomberg, che cita fonti vicine alla società, uno di loro sarà il più grande iPhone di sempre e il display potrebbe superare le dimensioni del Note 8.

Tuttavia, il gigante tecnologico potrebbe anche scommettere sulla tecnologia MicroLED, un’evoluzione in relazione alla tecnologia OLED. Usando composti emettitori di luce diversi da quelli utilizzati in OLED, la tecnologia MicroLED consente di realizzare display più sottili e più efficienti dal punto di vista energetico senza sacrificare la qualità dell’immagine.

La notizia, anche avanzata da Bloomberg, afferma che l’obiettivo di Apple nel creare i propri schermi sarà quello di ridurre la dipendenza dell’azienda dal rivale sudcoreano Samsung e dal giapponese Sharp.

Ti potrebbe interessare