Apple deve pagare oltre 500 mln di dollari: la battaglia sui brevetti VirnetX a una svolta

Cattive notizie per Apple: dopo molti anni, deve pagare più di 500 milioni di dollari a un troll. Come riportato da Bloomberg, il troll dei brevetti VirnetX, una società dedita esclusivamente ad afferrare nomi commerciali, ha trionfato.

Attenzione però perché la corte si era già esposta l’anno scorso, dopo 7 anni di contenzioso. A quel tempo, Apple aveva dovuto pagare 439,7 milioni di dollari, ma aveva fatto appello. Ora, la cifra ammonta a 502,6 milioni di dollari.

Leggi anche: Apple starebbe lavorando ad un iPhone con fotocamera tripla | Rumors

Ma cosa “copierebbe” Apple?

Secondo quanto emesso dal tribunale, i brevetti relativi alle tecnologie legate alla sicurezza delle informazioni in FaceTime, VPN on Demand e iMessage. Secondo la fonte, VirnetX ha iniziato come outsourcer per la CIA degli Stati Uniti per proteggere le loro comunicazioni e brevetti.

All’epoca avevano anche fatto causa a Microsoft e, per tutta risposta da Redmond, si era cercato di comprarlo, ma in VirnetX si rifiutarono di accettarono e i discepoli di Satya Nadella dovettero sborsare 223 milioni di dollari per porre fine al caso.

Kendall Larsen, CEO di VirnetX, ha dichiarato che “sono stati danneggiati” dalla vendita di oltre 400 milioni di dispositivi Apple e che “le prove erano chiare“. Alla fine, ha concluso: “Dì la verità e non dovrai mai preoccuparti di nulla“.

VirnetX è un’entità di approvazione di brevetti, il che significa che il suo intero modello di business si basa esclusivamente su cause contro società che, in realtà, sviluppano e vendono prodotti basati su violazione della legge inerente i brevetti e le interpretazioni negligenti delle norme sulla proprietà intellettuale. VirnetX ha sede a Zephyr Cove, in Nevada, e ha presentato la sua causa in Texas orientale, regione in cui i detentori di brevetti hanno una maggiore possibilità di successo in casi di proprietà intellettuale.

Ti potrebbe interessare