Buon compleanno iMac: compie 20 anni il computer che fece rinascere Steve Jobs

La rivoluzione dei personal computer compie 20 anni perché, il 6 maggio 1998, Steve Jobs rivelò iMac al mondo: un PC rosso e un dispositivo all-in-one, progettato per cambiare l’aspetto dei desktop e rilanciare Apple.

La differenza con i computer sul mercato in quel momento era evidente a prima vista. L’iMac aveva lasciato il classico beige per scegliere una plastica trasparente blu, rivelando l’interno della macchina. E il design era diverso: il PC di casa Apple, con forme arrotondate, ricorda un po’ i tubi a raggi catodici TV degli anni ’60. La classica componente esterna, a forma di “scatola ” o di “torre” che racchiudeva i componenti del computer scomparve. iMac integrava tutto all’interno e offriva una maniglia per spostarlo, inserita nella parte superiore del telaio.

Il dispositivo era rivolto ad un pubblico non solo professionale, grazie ad un prezzo accessibile dagli standard Apple di quel tempo: 1.299 dollari, fino a scendere a 999 negli anni seguenti, quando arrivarono altri colori e persino un modello fiorato.

“Abbiamo progettato l’iMac per offrire ai consumatori qualcosa di più: l’eccitazione di Internet e la semplicità del Mac”, aveva affermato Jobs

E iMac ha anche segnato il ritorno di Steve Jobs in Apple. Un ritorno che ha significato una salvezza immediata per l’azienda, che era passata da un rosso di 878 milioni di dollari nel 1997 ad un utile di 414 milioni di dollari della stessa valuta nel 1998. Solo negli ultimi tre mesi di quell’anno furono venduti oltre mezzo milione di incredibili iMac.

Dopo essere tornato in azienda nel 1998, Jobs ha offerto al mondo un’idea nuova e originale per rivoluzionare il mercato dei computer: creare un computer desktop in grado di gestire uno dei componenti principali di un computer, la sua torre. Ciò era dovuto alla geniale idea di includere l’intera CPU all’interno dello stesso monitor, cioè integrando tutte le apparecchiature in un unico set. Un’idea che oggi, anche se possiamo rimanere indifferenti a questo grazie alla tecnologia che attualmente ci si sviluppa in una tasca (lo smartphone) è ancora una delle caratteristiche più note di Apple anche con i suoi ultimi modelli.

È probabile che molti dei follower di iMac non conoscano la persona che ha avuto la responsabilità e l’orgoglio di progettare ognuno di questi diversi modelli. Il suo nome è Jonathan Ive, un famoso designer industriale britannico che, attualmente, ricopre la carica di vicepresidente del design industriale presso Apple Inc. E questo da quando, nel 1997, ha deciso di entrare a far parte dell’azienda Apple e gli ha dato l’opportunità di occupare quella posizione dirigenziale nella compagnia.

Durante il “soggiorno” di Jonathan Ive negli uffici di Apple, si sono sviluppati 4 processi completamente diversi, evoluti l’uno dall’altro, in cui sono state contrassegnate diverse tendenze. Queste ultime hanno condizionato i modelli Apple che sono stati commercializzati. Questa è la fase della traslucenza, quella dei colori, del minimalismo e dell’alluminio scuro, ognuno con caratteristiche diverse. Ma tutto rivoluzionario nei disegni.

Steve Jobs è morto a 56 anni nel 2011. Ma la sua eredità è innegabile.