class action Apple
Apple, il colosso dei prodotti high tech rischia una class action contro dei malfunzionamenti riscontrati nelle tastiere dei MacBook.

Questi difetti non riguardano tutti i dispositivi portatili ma sono quelli prodotti a partire dal 2015 e i MacBook Pro commercializzati nel 2016. La causa di questi malfunzionamenti sarebbe dovuta all’implementazione del nuovo sistema di apertura “a farfalla”.

Secondo Apple, il meccanismo consente di creare laptop più sottili e di rendere le tastiere più resistenti e robuste ma a partire dalla sua implementazione, il nuovo sistema ha iniziato a dare diversi problemi agli utenti. Molti, infatti, nel corso degli ultimi anni, hanno lamentato difetti nel premere i tasti o strani rumori provenienti da quest’ultima azione.

A guidare questa class action è lo studio legale Girard Gibbs, il quale afferma che la tastiera sarebbe prodotta e assemblata in modo tale che anche con solo un po’ di polvere riesca a farla bloccare o inceppare.

Nello specifico, si legge “La tastiera a farfalla di Apple e i MacBook sono prodotti e assemblati in modo tale che quando un minimo quantitativo di polvere o briciole si accumula sotto o intorno un tasto, la battitura potrebbe non essere riconosciuta. Questo difetto compromette una delle funzionalità cruciali del MacBook. Come risultato del difetto i consumatori che hanno comprato un MacBook potrebbero affrontare con facilità il danneggiamento della tastiera, così che il MacBook non possa più consegnare una delle sue funzioni principali: la scrittura di testi”. 

Nel documento redatto dai legali si legge, inoltre che è un problema molto esteso e riguarda migliaia di consumatori. Inoltre, a quanto pare, la stessa Azienda di Cupertino era a conoscenza del problema quando ha immesso i suddetti prodotti in commercio. Procedendo in questa maniera ha causato vari problemi a chi ha acquistato i laptop e le eventuali riparazioni non hanno risolto il problema, lasciando i consumatori fuori garanzia con una spesa che è arrivata a toccare anche diverse centinaia di dollari.

 

Ti potrebbe interessare