Apple, caso #bendgate: documenti mostrano che iPhone 6 era incline a piegarsi

E, in un’inattesa svolta di eventi, si scopre che il controverso #bendgate era reale e persino Apple lo sapeva. Documenti interni della stessa azienda mostrano che la società aveva testato iPhone 6 nel 2014, concludendo che era più probabile si piegasse rispetto ai modelli precedenti.

Come parte della causa per la class action contro Apple per la “Touch Disease”, il giudice responsabile del caso, Lucy Koh, ha esposto i documenti interni di Apple confermando la presenza di tale #bengate, che a sua volta è responsabile del fatto che iPhone 6 Plus perdesse più facilmente le sue capacità tattili.

 

Un difetto di progettazione che è stato risolto con iPhone 6s

Per coloro che non ricordano, nel 2014, quando sono stati annunciati iPhone 6 e 6 Plus, Apple è stata aspramente criticata perché i suoi nuovi dispositivi avevano una caratteristica sorpresa: si piegavano.

Apple non vi ha dato molta importanza, e solo in alcuni casi è stata applicata la garanzia. Secondo i dati ufficiali da parte di Apple stessa, solo 9 utenti lamentavano il #bendgate, quando invece i vari forum su internet erano pieni di lamentele. Ha anche aperto le porte delle sue strutture per dimostrare che no, il ripiegarsi di iPhone 6 su se stesso non era un fallimento ed era invece il risultato di un uso improprio.

Nel 2016, due anni dopo il “bendgate”, alcuni utenti hanno iniziato a segnalare che il loro iPhone 6 Plus stava perdendo la capacità di tocco, problema che divenne noto come “Touch Disease”. A differenza del precedente problema, con questo gli utenti intrapresero azioni legali contro Apple. Circa 10.000 utenti hanno intentato un’azione legale collettiva che ha indicato un difetto di fabbricazione sugli schermi dell’iPhone 6. La sorpresa è stata quando è stato scoperto che questo errore era causato dalle pieghe dei dispositivi, che causavano un malfunzionamento del chip del controller della funzione touch dalla scheda madre.

Apple non ha mai ammesso che il problema degli schermi sia stato causato dal #bendgate, ma dal fatto che “i dispositivi hanno subito diverse cadute su una superficie dura generando stress“.

 

I giorni nostri

Ora, nel contesto dell’azione “Touch Disease”, Judge Koh ha confermato che Apple ha condotto diversi test su iPhone 6 e 6 Plus prima del suo lancio. Uno dei risultati fu quello per cui iPhone 6 aveva 3,3 volte di più le probabilità di flessione rispetto ad iPhone 5S, mentre iPhone 6 Plus aveva 7,2 volte più probabilità di soffrire di questa problematica rispetto alla generazione precedente.

Entrambi i problemi sarebbero stati risolti nell’iPhone 6s, ma Apple non ha mai accettato pubblicamente l’esistenza del #bedgate. Ora, nonostante questi test sul tavolo, Apple non ha fatto dichiarazioni al riguardo.

Ti potrebbe interessare