japan_display_543ppi_screen1

Japan Display (JDI) , ha annunciato l’avvio della produzione di massa di display da 5.5 pollici QHD e potenzialmente potrebbero essere destinati all’Apple iPhone 6. Scopriamo il perché di questa ipotesi.Quando abbiamo parlato dell’iPhone 6 , definendolo come un device “luxury” , era stato spiegato che uno dei materiali di costruzione del dispositivo ( oltre al liquidmetal ) sarà il vetro zaffiro .Quest’ultimo verrà fornito all’azienda di Cupertino da JDI, Sharp e Lg.

Focalizzandoci su Japan Display (JDI ), per chi non la conoscesse , è un’azienda giapponese nata dalla partnership tra Sony, Hitachi, e Toshiba che si accordarono per l’integrazione dei loro schermi a cristalli liquidi di taglia piccola e media insieme a Innovation Network Corporation of Japan. 

Leggi anche:  iPhone 6: prezzi e data di uscita in Italia

L’inizio della produzione di massa, da parte di JDI, di display da 5.5 pollici Quad HD con risoluzione 2560 x 1440 pixel e densità 538 ppi , ci induce a pensare che saranno destinati all’ iPhone 6.Inoltre un’ulteriore collegamento può essere effettuato grazie alle dimensioni del display , dato che ,una delle versioni del futuro dispositivo Apple potrebbe essere proprio da 5.5 pollici.

Japan display applicherà ai pannelli la tecnologia LTPS, acronimo di  Low-temperature polycrystalline silicon , che grazie alla bassa temperatura del polisilicio garantirà un basso consumo di potenza del modulo.

Se così dovesse essere , il nuovo iPhone sarà un phablet , ma verrà comunque prodotta una versione “mini” per soddisfare gli amanti dei dispositivi compatti? Per ora possiamo sono avanzare ipotesi basandoci su questi rumor, ma nulla di ufficiale è stato dichiarato dalla Apple . L’azienda fin da sempre mantiene il massimo segreto sulla fase di progettazione e produzione dei nuovi prodotti che ormai è diventata una “scatola chiusa” a cui pochissimi hanno accesso. Tutto questo per garantire ai consumatori un effetto sorpresa ben riuscito.

Leggi anche:  Apple Healthcare: avere un iPhone e, contemporaneamente, vivere

[Via]