facebook

Facebook, in questo ultimo periodo, sta diventando un concorrente sempre più minaccioso per Google. Se, un paio di mesi fa, la “rete sociale” creata da Mark Zuckerberg ha dato l’annuncio di un sistema di pagamenti tramite Messenger, in grado di fornire un’alternativa al “Google Wallet”, ora sembra essere arrivata la volta di nuove “sperimentazioni editoriali”. Sono iniziati, infatti, i test relativi ad un motore di ricerca interno, attraverso il quale potranno essere cercate, e condivise, sia notizie che diversi contenuti online.


Per ora, a poter provare il servizio è un ristretto numero di utenti statunitensi; in particolare, l’applicazione viene testata attualmente sui prodotti Apple, quindi sul sistema operativo iOS. A fornire la notizia è stato il blog “TechCrunch”, che ha indicato come sarà possibile inviare il link relativo alla ricerca effettuata ai contatti Facebook. Verrà creato un tasto apposito, e il funzionamento sarà molto simile a quello per l’invio delle foto. È stato anche confermato il nome di tale funzione, che sarà semplicemente “Aggiungi un link”.

Quando verrà lanciata la ricerca online, lo stesso social network fornirà una lista di contenuti; questi ultimi potranno essere allegati al post, mostrandoli ai propri amici. Sono stati direttamente i vertici di Facebook a spiegare dettagliatamente la novità a TechCrunch, segnalando di aver indicizzato un numero di post pari a mille miliardi, in modo da garantire un maggior numero di risultati alla ricerca stessa. Alla fine, gli utenti avranno a disposizione un motore interno che gode di un vantaggio in più rispetto a quello di Google, in quanto terrà conto delle condivisioni degli stessi utenti. Ma le novità, per Facebook, non sono finite; solo pochi giorni fa, infatti, è stato annunciato un accordo raggiunto con diverse testate giornalistiche (tra le quali è possibile segnalare il National Geographic e il New York Times). Lo scopo di tale accordo sarà quello di pubblicare dei contenuti giornalistici sulla piattaforma.

A sua volta, Facebook garantirà agli editori i ricavi pubblicitari. Anche a questo servizio è già stato attribuito un nome: Instant Articles. In base ad indiscrezioni provenienti dal “Wall Street Journal“, potrebbe potrebbe essere lanciato già entro la fine del mese di maggio. È una novità attesa da molti utenti, che avranno la possibilità di leggere notizie di giornali prestigiosi senza dover uscire dal social network. Di certo, sia “Aggiungi un link” che “Instant Articles” non faranno felice Google, che sta pensando a delle contromosse da proporre nei prossimi mesi. In particolare, preoccupa la minaccia del primo servizio, considerando che Google non ha avuto rivali all’altezza su questo campo fino ad oggi.