Steve-Jobs-non-lasciava-usare-liPad-ai-suoi-figli

Steve Jobs non voleva che i suoi figli utilizzassero i dispositivi elettronici. Anzi, ne vietava decisamente l’uso. E, come lui, anche altri dirigenti di società tecnologiche. Lo rivela un articolo pubblicato sul New York Times.

Secondo quanto si sostiene sul  giornale, Jobs affermò che non amava i suoi figli utilizzassero l’iPad. Un vero e proprio controsenso per il padre di una delle (sue stesse) creazioni più popolari. “Cerchiamo di ridurre al limite la quantità di tecnologia che i nostri figli possono usare a casa”, dichiarò il fondatore di Apple, nel corso di una delle sue interviste.

Ma le dichiarazioni riportate sul NYT non si fermano a queste. Significativo, infatti, sembra essere anche il numero di amministratori delegati di aziende tecnologiche che, alla stessa stregua di Jobs, dettano regole del tutto in controtendenza con quelle suggerite dalle loro stesse aziende ai propri utenti. Tra questi, Chris Anderson, CEO della 3D Robotics, azienda produttrice di droni, il quale conferma di avere il controllo totale sull’utilizzo di qualsivoglia dispositivo elettronico da parte dei suoi figli. Una scelta detta dalla propria esperienza, poiché racconta di aver vissuto “in prima persona i pericoli della tecnologia”. E, continua, “non voglio che i miei figli passino la stessa cosa”. A fargli eco, il fondatore di Twitter, Evan Williams, e sua moglie, Sara Williams. Questi, infatti, hanno regalato ai loro due bambini diverse centinaia di libri. Mentre Walter Isaacson, l’autore di “Steve Jobs”, afferma: “Ogni sera Steve faceva in modo di fare cena nel grande tavolo lungo nella loro cucina, discutendo di libri e storia e una varietà di cose. Nessuno ha mai tirato fuori un iPad o un computer. I bambini non sembrano richiedere per niente di tutti questi dispositivi”.

Cosa accade con l’uso continuativo dei dispositivi elettronici

Soprattutto nei bambini, l’uso continuativo di tablet e smartphone può comportare un aumento dei disturbi della vista e del sonno. Inoltre, le frequenze wireless per la connessione a Internet, usate dall’iPad e da altri tablet, rappresenterebbero potenziali rischi per la salute, oltre ad essere cancerogene. E’ noto come, da tempo, venga consigliato dagli esperti di mantenere salubri gli ambienti in cui si dorme eliminando completamente la presenza di antenne per la telefonia mobile. Queste, infatti, comportano effetti biologici negativi sulla salute della persona, ne perturbano l’energia e l’equilibrio individuale, provocando intolleranze e danni alla salute psicofisica.