125071340-1-iphone_6_plus_16gb_gold_akilli_telefonLa seguente storia giunta solo da pochi giorni dagli Stati Uniti ha dell’incredibile e vede come protagonista un iPhone 6 Plus il quale è uscito illeso e ancora funzionante malgrado sia stato immerso nell’Oceano Pacifico per circa quarantacinque giorni.

Ormai si sa, la Apple sta cercando di pubblicizzare molti dispositivi che siano impermeabili e quindi resistenti all’acqua, ma non vi è pubblicità migliore come questa incredibile storia che in soli pochi giorni già sta facendo il giro del web.

Ma vediamo insieme cosa è successo e come l’iPhone 6 Plus sia finito per 45 giorni nell’Oceano Pacifico.

Alcuni sub pare abbiano trovato il melafonino disperso nell’Oceano Pacifico per più di quaranta giorni. Il dispositivo una volta tirato fuori dall’acqua è risultato essere ancora perfettamente funzionante. Molti lo dichiarano un miracolo, ma sicuramente il possessore dell’iPhone 6 Plus può ritenersi davvero fortunato.

Queste a seguire sono le parole del diretto interessato che ha smarrito il dispositivo Apple: sono caduto dalla canoa e mi è preso il panico perché pensavo di morire nonostante il giubbotto di salvataggio. Dopo essere risalito sulla canoa, sono caduto di nuovo. Ed è stato allora che ho perso l’iPhone senza neppure rendermene conto. Sono risalito sulla barca e ho sentito qualcosa staccarsi, ma ho pensato fosse il giubbotto”.

Ma secondo voi questa incredibile storia è accaduta davvero o è tutta una montatura per pubblicizzare, magari, l’impermeabilità dell’iPhone 6 Plus? Noi ci auguriamo la prima ipotesi, ovviamente.