iphone-7
Possiamo tutti permetterci un iPhone 7?

iPhone 7 sta avendo successo di vendite. E in tutti i Paesi nei quali è già distribuito. Il dispositivo di base, quello nella sua versione da 32 gigabyte – disponibile in diversi colori (oro, oro rosa, bianco e nero lucido) – ha di per sè un costo abbastanza esoso: 799 euro.

Ora, se facciamo dei rapidi calcoli, quanto deve lavorare un individuo per accaparrarsi un melafonino? Dei milioni di persone che lavorano nel paese, il 15,6% riceve un reddito per un importo pari al salario minimo (SM), il 26,6% tra uno e due sm, il 21% tra due e tre, il 12,6% dal 3 al 5 SM e solo il 5,8% più di 5 salari minimi e questo solo in base al secondo trimestre del 2016.

Il salario minimo al giorno è equivalenti a uno stipendio di 1.200 euro al mese, in modo tale da consentire ad un lavoratore con questo livello di reddito di poter comprare il dispositivo dopo aver lavorato 213 giorni, o poco più di sette mesi. Per una media di 5/6 euro al giorno. Ma questo è solo un dato indicativo e approssimativo e relativo ad uno stipendio di base.

Quindi, per fare un discorso del genere – e capire se possiamo permetterci un iPhone 7 – occorre considerare i giorni di lavoro, quanto questi rendono ciascuno e, a seconda dell’importo del reddito espresso in salari minimi, poter accedere al device. Ovviamente, anch’esso di base, ovvero 32 gigabyte (con il presupposto che tutti i redditi, chi più chi meno, sono allocati a tale acquisto).