trump
Per Trump dovremmo boicottare i dispositivi Apple

Donald Trump potrebbe aver reso Twitter uno dei suoi più potenti strumenti nel corso della campagna elettorale, mentre su Facebook ha reso chiare le sue posizioni, senza mostrare molti segni di clemenza nei confronti delle aziende della Silicon Valley. tra queste, Apple.

Senza lo sviluppo di un programma specifico intorno a nuove tecnologie, il magnate immobiliare ha ripetutamente attaccato durante la sua campagna sia Apple che Amazon, promettendo sanzioni contro di loro una volta eletto. Le reazioni dei rappresentanti di queste grandi aziende si sono fatte attendere, quasi ignorandolo. Tanto che Shervin Pishevar, co-fondatore del sistema di trasporto Hyperloop, aveva suggerito che, nel caso di elezione, si potesse procedere alla secessione della California.

Da “Made in USA” a Apple

Il giorno dopo il “Super martedì” delle elezioni, Donald Trump ha fatto il suo annuncio, inviato direttamente a Tim Cook, Ceo Apple. “Obbligherò Apple a produrre i suoi iPhone e computer sul nostro territorio, non in Cina!“. Una discreta scelta di verbi che, sicuramente, non risulta per niente fastidiosa al destinatario. Ad ogni buon conto, così aveva strombazzato Trump senza specificare la sua personalissima procedura.

L’annuncio è stato considerato disastroso dai rappresentanti di Silicon Valley. “Apple crea ricchezza, non con i suoi impianti di produzione, ma con la ricerca e il design, che è già un valore aggiunto per l’economia degli Stati Uniti“, ha spiegato l’economista Dale Jorgenson.

Nel mese di febbraio, il nuovo presidente degli Stati Uniti aveva richiesto un boicottaggio dei prodotti Apple se si fosse ostinata a rifiutarsi di aiutare l’FBI a sbloccare un iPhone che apparteneva a uno degli autori del massacro di San Bernardino. “Quello che dobbiamo fare è boicottare Apple fino a quando non procureranno il codice all’FBI“, aveva tuonato in un discorso in South Carolina. Ma, come abbiamo visto, molto fumo e poco arrosto. Dovrebbe fare attenzione a non perdere parrucchini o affini, con questo fumo.