jailbreak
Ora è possibile jailbreakkare i propri iDevice

Il Jailbreak di iOS 10.1.1 (e precedenti) è stato da poco rilasciato. Si tratta di una versione del software piuttosto instabile e grezza, per cui è consigliabile installarla soltanto se si hanno particolari competenze tecniche (per ovvie ragioni consigliamo anche di non installare questa versione dell’OS “sbloccato” sul proprio dispositivo principale).

Questa prima versione del Jailbreak di iOS 10.1.1 (e precedenti) è di tipo semi-untethered e quindi dovrete purtroppo eseguire lo sblocco dopo ogni riavvio. Per installarlo sul proprio iDevice bisogna disporre di alcuni requisiti essenziali. Innanzitutto bisogna avere a disposizione di un dispositivo non aggiornato ad iOS 10.2, in quanto lo “sblocco” è disponibile soltanto per i device aggiornati ad iOS 10.1.1 o precedenti. Il proprio dispositivo, inoltre, deve avere un processore a 64 bit, per cui sono esclusi dall’aggiornamento i device un po’ più datati.

Oltre a ciò è necessario scaricare il file IPA che consentirà di eseguire effettivamente lo sblocco del proprio iPhone, iPad o iPod touch dal sito ufficiale e utilizzare poi Cydia impactor. Non potrete eseguire il Jailbrak, inoltre, se non disporrete di un account gratuito da beta tester e dell’ultima versione di iTunes per PC o Mac non potete eseguire la procedura di sblocco del vostro iDevice. Come abbiamo già detto all’inizio dell’articolo vi sconsigliamo, per il momento, di “jailbreakkare” il vostro dispositivo a meno che non siate degli esperti informatici.