Il fatto che l’India rappresenti un mercato di fondamentale importanza per il settore smartphone, è un qualcosa di ormai assodato. Apple non poteva dunque lasciarsi sfuggire la possibilità di espandere il proprio business, ed ecco dunque arrivare l’ufficialità di un accordo che si rivelerà strategico per i prossimi anni.

Infatti, dopo mesi di trattative, Apple è riuscita a siglare un accordo con il governo indiano che le consentirà di creare un nuovo centro produttivo, al fine di cominciare ad assemblare gli iPhone in India. Questo consentirà al colosso di Cupertino di abbattere i costi per la distribuzione dei “melafonini” in quella parte del pianeta, con una potenziale crescita dei guadagni oggi inimmaginabile.

Tim Cook ha dovuto lavorare duramente per riuscire a strappare un accordo del genere, visto che lo stanziamento di 25 milioni di dollari per la realizzazione di un centro di ricerca e sviluppo in India non era bastato per convincere il governo ad acconsentire all’assemblaggio degli iPhone in quei territori.

In ogni caso, l’accordo diventerà operativo a partire dalla fine di aprile 2017, quando appunto gli iPhone cominceranno ad essere materialmente assemblati in India. Ovviamente, è bene sottolineare che Apple non abbandonerà minimamente i propri centri di produzione in Cina che, attraverso la Foxconn, sono diventati dei veri e propri fiori all’occhiello. Dunque, ciò che verrà realizzato in India sarà “accessorio”.

Sarà comunque molto interessante verificare cosa accadrà con il lancio della nuova generazione di iPhone, e che tipo di benefici ne avranno le casse del colosso di Cupertino. Staremo a vedere.