Samsung-Apple
Display Samsung in arrivo per Apple

Samsung e Apple più che buoni amici. Le due aziende, infatti, starebbero mescolando i loro nomi e questo potrebbe non essere classificato più come sinonimo di rivalità. Gareggiando in molte aree tecnologiche, soprattutto nel settore degli smartphone e più di una volta coinvolte in scontri legali nei tribunali di diversi paesi, i due colossi hanno qualcosa in pentola.

Tuttavia, questo non è sufficiente ad entrambe le aziende a stringere la mano quando si parla di business. Sebbene sembra abbiano concluso un accordo milionario con Samsung Display, una società controllata da Samsung Electronics, il cui compito sarà quello di produrre l’80% dei pannelli OLED per la prossima generazione di iPhone.

Apple vende circa 200 milioni di dispositivi all’anno e Samsung produrrà 160 milioni di pannelli OLED per i seguenti modelli. Dato il numero di schermi, potrebbe essere il caso che non solo iPhone X possa essere l’unico con display OLED, ma anche iPhone 7s Plus, un altro modello che potrebbe far sua questa nuova tecnologia.

Secondo fonti interne Samsung, Apple pagherà 4,3 miliardi di dollari per il lotto di pannelli OLED prodotte dalla società sudcoreana, anche se nessuna delle due società ha ufficialmente consegnato questo nuovo accordo commerciale alla pubblica piazza.

Samsung è il marchio leader per gli schermi OLED. Infatti, il ​​70% di tutti i dispositivi monta tali pannelli, tra cui la leggendaria gamma S e Note. Inoltre, per Apple sarà la prima volta che utilizzerà questo tipo di tecnologia sui propri device. In realtà, non aveva mai utilizzato uno schermo costruito da Samsung. Precedenti modelli di display iPhone erano quelli usati da e prodotti da LG Display, Japan Display e Sharp.

Ma non è tutto. Si vocifera che iPhone X sarà anche il primo terminale Apple ad avere un lato curvo con schermo OLED, ricarica wireless, lettore di impronte digitali e pulsante di avviamento integrato sullo schermo e una possibile scansione della retina. Se così fosse, sarebbe un insolito iPhone, non per questa serie di specifiche, ma perché non è solito di Apple integrare elementi non testati per un periodo di tempo sul mercato, così come la scansione dell’iride e delle impronte digitali sullo schermo.