iPhone, Apple, iOS
iOS 11 logo

Apple lo ha ormai reso ufficiale: sarà durante il Worldwide Developers Conference 2017 previsto per il 5 Giugno che verrà presentato al pubblico iOS 11, l’ultima versione del sistema operativo dei dispositivi mobili Apple. Se dunque venissero rispettate le tempistiche degli anni precedenti, l’azienda di Cupertino dovrebbe puntare a rilasciare in maniera definitiva la versione per Settembre, dopo un periodo di testing aperto a chiunque previo registrazione.

Entrando nel merito delle caratteristiche di iOS 11 – che, ricordiamo, non sarà comunque la versione definitiva del nuovo sistema operativo, lavorando Apple in maniera costante sugli aggiornamenti dei suoi OS -, non sono noti con precisione i dettagli di questa novità, e l’azienda non sembra voler farne trapelare alcuno fino a Giugno. Ma alcuni rumor vedrebbero soddisfatti alcuni tra i desideri e le esigenze più comuni tra gli utenti.

In testa a tutti, la Dark Mode sembra essere qualcosa di più che un semplice rumor. Questa modalità, se selezionata, andrebbe ad apportare all’interfaccia del dispositivo delle modifiche – quali un tema o uno sfondo più scuri – funzionali all’utilizzo in condizioni di oscurità, in modo da non sforzare la vista. La Dark Mode potrebbe essere implementata per giunta prima dell’uscita di iOS 11.
Altre voci vedrebbero l’inserimento della VR mode, se non altro per non ignorare il passo in tale direzione da parte di Android. Sta di fatto che la virtual reality, per questioni di potenza di calcolo richiesta, sarebbe prerogativa degli ultimi dispositivi.
Ulteriore oggetto di miglioramento dovrebbe essere Siri, resa più naturale e soprattutto in grado di interagire con applicazioni “esterne”: qualsiasi applicazione potrà quindi essere lanciata con l’assistente vocale Apple.

Una domanda lecita, ma la cui risposta non è per ora semplice, è la quantità di dispositivi che supporteranno iOS 11. Nonostante negli ultimi tempi Apple abbia cercato di tenere aggiornati anche i dispositivi più vecchi, alcune novità sono comunque precluse ai prodotti più obsoleti, come la funzione Memories per l’ iPhone 5. Se dunque proprio quest’ultimo device dovesse essere escluso questa volta, la lista dei dispositivi dovrebbe essere la seguente:

  • iPhone 7
  • iPhone 7 Plus
  • iPhone 6s
  • iPhone 6s Plus
  • iPhone 6
  • iPhone 6 Plus
  • iPhone SE
  • iPhone 5s
  • iPad Pro 12.9-inch
  • iPad Pro 9.7-inch
  • iPad Air 2
  • iPad Air
  • iPad 4th gen
  • iPad mini 4
  • iPod Touch 6th gen