RetroPie Arcade Cabinet
Il RetroPie Arcade Cabinet ultimato e in funzione

Il nome, RetroPie Arcade Cabinet, potrebbe creare confusione sui componenti presenti in questo oggetto. Ma ciò che John Gerrard ha fatto, in parole semplici, è stato prendere una periferica prodotta per fare da cover da gaming agli iPad e trasformarla in un mini cabinato arcade in piena regola, di quelli che si vedevano fino a un po’ di anni fa in quelle affollate, ormai leggendarie, sale giochi. Le istruzioni per la costruzione non sono immediate, e sono per lo più alla portata dei più esperti in materia. Ma niente gettoni, garantito.

Il tutto è iniziato con la periferica iCade, originariamente un oggetto di fantasia risalente ad un Pesce d’Aprile, poi commercializzata come accessorio per l’iPad di casa Apple. In effetti però, ha notato John, l’oggetto era perfetto per essere usato come mini cabinato da retrogaming: ha acquistato quindi da eBay un joystick in pieno stile arcade, dal design accattivante e che si prestava facilmente a tutte le modifiche a livello hardware necessarie per l’occasione. Quindi, proseguendo nelle ricerche tra eBay e Aliexpress, John si è procurato tutto ciò di cui aveva bisogno per il progetto che aveva in mente, a prezzi accessibili.

Il nucleo della nuova macchina è il sistema operativo RetroPie su un hardware Raspberry Pi 3; lo schermo LCD altro non è che un pezzo di ricambio di un iPad 2, insieme ad un dispositivo compatibile con HDMI. Il display si inserisce bene nello spazio del mini cabinato, e l’adattatore permette una facile interfaccia con il Raspberry Pi 3.

Pulsanti e stick analogico del cabinet originale sono collegati al controller arcade USB. Ulteriori aggiunte interessanti sono gli altoparlanti ed i pulsanti di inserimento di Player 1 e Player 2.

In definitiva, John ha fatto un interessantissimo lavoro di riutilizzo dell’originale cabinato in stile vintage iCade, riutilizzando però il display proveniente da un iPad, e aggiungendo al suo progetto finezze come la fessura per le monete da 25 cent, che è diventato all’atto pratico un tasto touch-sensitive per aggiungere crediti.

Come dite? Il vostro vecchio iPad sta tirando le cuoia e vale la pena provarci? Ecco il link al progetto: http://www.jman.kiwi/2017/01/06/retropi-with-a-picade/