iphone 8
Un iPhone 8 molto costoso

Ci sono molte aspettative attorno al lancio dell’ iPhone 8. A seguito dei deludenti cicli di aggiornamenti che hanno seguito l’uscita degli iPhone 6S e iPhone 7, la quantità di vecchi modelli in uso è piuttosto ampia. Apple spera che, in occasione del lancio del nuovo modello, possa verificarsi un passaggio generale all’ultimo uscito sul mercato. In effetti, sarebbe un guadagno probabilmente superiore ai 1000 dollari, per l’azienda.

Volendo essere più precisi, dei 715 milioni di iPhone attualmente in uso, circa il 31 per cento risulterà come “non aggiornato” per un periodo di due anni, nel momento in cui uscirà l’ iPhone 8, a Settembre. Il 25 per cento, invece, dall’uscita dell’iPhone 7.

Stando agli ultimi numerosi rumor, l’ iPhone 8 monterà uno schermo edge-to-edge, sprovvisto di tasto fisico, il che significherà maggior spazio su schermo rispetto al 7 Plus. Una forte modifica come questa ricorda il lancio dell’iPhone 6 nel 2014, che era in effetti provvisto di uno schermo più grande rispetto a quanto visto in precedenza.

Ma le vendite di nuovi dispositivi non sono l’unico modo in cui Apple ottiene più utenti. Quando questi acquistano un nuovo dispositivo, infatti, sono sempre più spesso incentivati a liberarsi di quello precedentemente usato, che può essere teoricamente revisionato, rimesso a nuovo o ricondizionato e rivenduto, spesso da rivenditori di terze parti. Il numero di iPhone di seconda mano potrebbe aumentare a 300 milioni nel 2018 da 228 milioni che si contavano a fine, prevede l’analista della BMO Tim Long.

Apple di solito non ottiene soldi immediatamente quando ciò accade, ma fa aumentare il numero di utenti che potrebbero spendere soldi per i suoi “servizi”, come l’iCloud e l’App Store. E quando si tratta di “servizi”, non ha molta importanza quale modello di iPhone le persone utilizzano.