MacBook Pro
La caratteristica Touch Bar del MacBook Pro.

È ben noto, ormai, che Apple nella giornata di ieri ha riportato online l’ Apple Store dopo alcune ore di manutenzione, arricchendolo di interessanti novità. I refresh di line-up, chiacchierati da mesi, hanno riguardato intanto iPhone 7 e iPhone 7 Plus, ora disponibili nella nuovissima colorazione Product Red (colorazione che alcune multinazionali impegnate nella lotta all’HIV e all’AIDS conferiscono ai loro prodotti, come simbolo di riconoscimento) e nelle versioni da 128 GB e 256 GB. E ancora, quanto ad iPhone SE, lo spazio di archiviazione disponibile è passato a 32 GB e 128 GB; nuovi cinturini per l’Apple Watch, in occasione del cambio stagionale, e un nuovo iPad, con processore A9 e 32 GB di spazio di archiviazione.

Per i più attenti, è evidente il grande assente alla festa primaverile di Apple. Non v’è traccia, in effetti, di novità riguardanti MacBook e MacBook Pro. I laptop con sistema operativo macOS non subiscono significative innovazioni da tempo: la Touch Bar che è senza dubbio stata una brillante aggiunta, ma per il resto l’ultimo MacBook Pro è caratterizzato da specifiche leggermente migliorate rispetto ai predecessori.

L’unico significativo cambiamento in vista per i MacBook è rappresentato ai processori Kabi Lake di Intel, ma la novità non sarà molto probabilmente introdotta prima di Ottobre di quest’anno, in linea con l’idea e la linea guida di fondo di Apple di rinnovare i dispositivi con una cadenza annuale. Come nel caso dell’iPad e di iPhone.

C’è da dire, però, che gli ultimi MacBook e MacBook Pro sono in commercio da meno di un anno, ma lo stesso vale per iPhone 7 e iPhone 7 Plus, che hanno comunque subito il recentissimo refresh. Quanto sarebbe davvero pesato ad Apple aggiornare il suo laptop con una versione, ad esempio, da 2 TB di spazio di archiviazione? O anche solo un rinnovo estetico, come nel caso della stessa colorazione?

Ancora una volta Apple mostra un’inclinazione a non curarsi della sua linea di computer portatili. Se i sistemi operativi iOS e macOS godono di aggiornamenti, MacBook, MacBook Air e MacBook Pro restano, agli occhi degli utenti, prodotti secondari nei piani della casa di Cupertino.