Tempo di lettura: 1 minuto

Per la prima volta dal lontano 1991 la Foxconn, azienda produttrice degli iPhone di Apple, ha fatto registrare un calo nei ricavi. Si tratta di di un’eventualità inevitabilmente legata all’andamento del “melafonino” che, dopo il boom del periodo natalizio, adesso ha nettamente rallentato sul mercato.

Del resto, l’azienda taiwanese sta cercando da tempo da slegarsi dalla logica di avere iPhone come core-business. Una situazione inevitabilmente rischiosa, in quanto si va a vincolare il proprio destino sulla base dell’andamento di un unico prodotto. La stessa Apple, con investimenti mirati, sta cercando di differenziare la propria strategia.

Occorre comunque sottolineare come i ricavi della Foxconn dovrebbero subire un’impennata verso l’alto con il lancio di iPhone 8 che, salvo stravolgimenti dell’ultima ora, dovrebbe avvenire nel solito Keynote a settembre, con la commercializzazione prevista durante la prima settimana di ottobre.

Quello che è stato già battezzato come “l’iPhone del decennale” è probabilmente lo smartphone più atteso sul mercato, insieme al Galaxy S8 di Samsung che però è stato già presentato qualche giorno fa, esattamente il 29 marzo a New York. Apple si prepara ancora una volta a scuotere l’intero mercato smartphone, anche perchè le novità attese sono tante.

Una situazione per la quale ne trarrà inevitabilmente beneficio la Foxconn. Staremo a vedere quello che accadrà nei prossimi mesi.