Apple
Recentemente, il numero di malware che hanno colpito macchine con sistema operativo macOS è aumentato notevolmente.

Secondo un recente report della nota società di sicurezza informatica McAfee, i malware che hanno nel mirino computer su cui gira un sistema macOS sono aumentati di ben il 744 per cento circa. Un dato impressionante.

L’azienda ha infatti messo in evidenza circa 460.000 tipi di differenti malware nel 2016 su computer Mac, un notevole aumento rispetto ai dati del 2015, anche se rimane una parte piuttosto ridotta se rapportata al totale di attacchi totali effettuati su personal computer.

Nonostante il numero di attacchi a danno delle macchine di quella marca sia aumentato, tuttavia, gli utenti macOS non devono allarmarsi più di tanto. Le statistiche, infatti, coinvolgono anche il fenomeno degli adware, che arrecano un danno relativo, poichè creano un fastidioso e continuo flusso di pubblicità indesiderata a base di banner e pop-up. Si tratta di un fattore irritante, certo, ma decisamente meno pericoloso di un malware, che è in grado di rendere il dispositivo totalmente inutilizzabile.

Tuttavia, un aumento del numero di computer attaccati da malware si è effettivamente verificato. La scorsa estate, gli utenti Mac hanno visto circolare un nuovo malware, soprannominato Backdoor.MAC.Elanor: si tratta di un brutto virus che infetta il sistema operativo OS X, e che dà agli hacker l’accesso completo ai file sul computer.  I criminali informatici hanno usato il malware anche per accedere alla webcam incorporata sui computer iMac e MacBook, nell’inconsapevolezza dell’utilizzatore del dispositivo colpito. E quel che è peggio è che Backdoor.MAC.Elanor è stato scaricato anche da siti affidabili che offrono software per Mac.

La minaccia è stata nascosta in una falsa applicazione, nominata Easy doc Converter.app, descritta come un “convertitore di file veloce e semplice per OS X”; ma una volta avviato il file d’installazione, subentrava Elanor. Il Technical Leader di Bitdefender Antimalware Lab, Tiberius Axinte, ha dichiarato: “Questo tipo di di malware è particolarmente pericoloso in quanto è difficile da rilevare e offre all’applicazione malevola il controllo completo del sistema compromesso.

Per esempio, qualcuno può escludere l’utente dal controllo del sistema, ricattandolo per ripristinare i file privati, ​​o trasformare il portatile in una botnet per attaccare altri dispositivi. “Le possibilità sono infinite.