iPhone produzione facial recognition
Il sistema di riconoscimento facciale fa parte dei sistemi di sicurezza implementati durante la fabbricazione dei nuovi modelli di iPhone

Il mese scorso, lo studente della New York University Dejian Zeng ha rilasciato una testimonianza riguardante la vita di un lavoratore presso una fabbrica di iPhone, che ha potuto rilasciare grazie ad un lavoro estivo svolto a Pegatron. Adesso, Business Insider gli ha chiesto le misure di sicurezza adottate dal colosso californiano per evitare le fughe di informazioni.

In primo luogo, ha descritto il modo in cui la produzione di nuovi iPhone viene resa inaccessibile da altri lavoratori: solo coloro che lavorano al nuovo modello hanno la possibilià vederlo. Come è logico pensare, l’azienda si impegna a garantire che solo i lavoratori giusti vengano ammessi.

Dobbiamo inserire nel lettore la nostra tessera di riconoscimento, e viene utilizzato il riconoscimento facciale.

Nessun dispositivo elettronico è consentito nell’area della linea di produzione, che è dotata di rilevatori di metallo agli ingressi. Ma questi controlli sono ancora più approfonditi quando si lavora ad un modello non rilasciato.

Quando stavo lavorando all’iPhone 7, aumentarono il livello di sicurezza. C’erano due rivelatori di metallo nelle fabbriche, e ne aumentarono per giunta la sensibilità.

Come noto, spesso alcune ragazze indossano reggiseni costituiti da parti in metallo. È capitato, una volta, che ad alcune di esse venisse vietato passare la porta di sicurezza, e che siano quindi state costrette a tornare indietro per cambiarsi. Zeng ha detto che alcuni dirigenti sono stati autorizzati a mantenere i loro telefoni, ma questi erano soggetti a controlli: non solo contro le foto, ma anche nel caso in cui qualcuno avesse cercato di rubare un modello di produzione e nasconderlo all’interno di una cover.

Ogni volta che qualcuno necessita di passare attraverso i rilevatori di metalli, la sicurezza chiede al dirigente di premere il pulsante sul loro telefono, in modo da poter vedere lo schermo. Questo perché penso che ci siano stati in effetti alcuni casi in cui un iPhone sia stato messo in una cover di un finto smartphone, per poi essere portato via di nascosto.

I lavoratori sono inoltre avvertiti che se proveranno a prendere un iPhone dalla fabbrica, verrà chiamata la polizia. Il lavoro della linea di produzione viene dunque impostato in una maniera tale che molti operai, nello svolgere il loro singolo compito, avranno una conoscenza molto limitata di come si presenterà il telefono completamente assemblato. Sono solo coloro che lavorano sul telaio, o sull’assemblaggio finale, che arrivano a vedere l’aspetto del prodotto finito.

Molti lavoratori, il primo giorno che iniziano a produrre, possiamo dire che non ci sono presa per cuffie. E poi possiamo vedere che hanno due telecamere. Quindi queste sono alcune cose che possiamo vedere e possiamo ricordare e possiamo dire ai media in seguito.