Ecco i nuovi sistemi operativi lanciati dall’azienda californiana

Il keynote di ieri ci ha regalato tantissime emozioni e con esso sono arrivate tantissime novità. Basti pensare alla Magic Keyboard con tastierino numerico, ai nuovi iMac, al nuovissimo e potentissimo iMac Pro arrivando poi a watchOS 4 ed a iOS 11 & MacOS High Sierra

I due sistemi operativi rispettivamente mobile e desktop portano tantissime novità ma vediamole una ad una.

Partendo da iOS 11 la prima cosa che salta all’occhio è la dock bar, finalmente. D’ora in poi anche iPad avrà una dock nella quale potranno essere inserite le nostre app preferite e tramite essa potremo switchare da un app all’altra. La dock risulta essere utile anche per la nuova funzionalità: il drag & drop. Si tratta di una funzionalità richiesta dagli utenti da tantissimi anni che permette il trascinamento di testo, immagini e qualsiasi altro contenuto da un’applicazione ad un’altra. In accoppiata alla split view ed alla dock ora sarà molto più semplice selezionare dei contenuti e trascinarli sull’app desiderata. Ad esempio si pensi ad una citazione reperita online da voler inserire in una mail, basterà aprire safari, aprire mail in split view, selezionare il testo e portarlo nella mail.

Oltre a queste novità è stato introdotto l’uso della tastiera ad una mano, un nuovo App Store, un iMessage rivoluzionario che, copiando Telegram, porta la sincronizzazione di tutte le chat su ogni dispositivo associato a quel determinato account iCloud. La sincronizzazione verrà fatta occupando al massimo 10 GB di spazio. Sempre su iMessage è stato introdotta la possibilità di richiedere e ricevere denaro tramite Apple Pay.

Oltre a queste novità è stata introdotta la possibilità di registrare il display senza la necessità di ricorre ad app di terze parti ed è stato completamente ridisegnato il Control Center. Da questo momento Cydia levati, sarà infatti possibile attivare e disattivare i dati cellulare (Apple c’è l’abbiamo fatta) effettuare una regolazione puntuale di luminosità e audio di sistema attraverso degli “slider verticali” e sono state introdotte tantissime nuove scorciatoie personalizzabili.

Per quanto concerne Siri, introdotta una nuova voce ed implementata la traduzione istantanea che permetterà di tradurre il testo e pronunciarlo per noi ad alta voce.

A chiudere il tutto vi è l’introduzione della codifica HEVC, che combina una miglior compressione senza causare perdite di qualità. Anche per le foto riceveranno una nuova codifica chiama HEIF che prenderà il posto del “vecchio” JPEG. Migliorata la stabilizzazione della camera ed introdotte tantissime novità nell’app Foto.

Nell’app note è stata introdotta la scansione intelligente che permetterà di fotografare un documento e l’app ne ricaverà una versione digitalizzata da poter modificare a piacimento tramite la pencil.

Ultimo ma non per importanza, introdotto AirPlay 2 in grado di supportare l’audio multi-room.

 

Passando a MacOS, il nuovo sistema operativo della casa di Cupertino si chiama High Sierra. Sembrava fosse uno scherzo ma in realtà è tutto vero.

Il nuovo aggiornamento va a migliorare l’OS attuale andando a migliorare Safari che vede l’implementazione del blocco dell’autoplay dei video e dell’Intelligent Tracking Prevention che consente il blocco del tracking dei siti visitati. Cosa significa? Quando normalmente navigate su amazon o su un qualsiasi store effettuate delle ricerche e successivamente aprendo i social come ad esempio Facebook, Instagram, vi ritrovate degli annunci sponsorizzati relativi a quello cercato, ecco con l’intelligent tracking prevention tutto ciò non capiterà più.

Aggiornato anche Mail che occuperà molto meno spazio su disco e Foto che in accoppiata alle app di editing, come ad esempio photoshop, si renderà molto più “smart”.

High Sierra porta con sè un nuovo file system che andrà a sostituire l’HFS in uso da ormai 30 anni. Il nuovo File System di Apple introduce la crittografia nativa, la protezione dai crash ed aumenta la sicurezza generale dei dati presenti all’interno del proprio Mac.

Apple ha inoltre introdotto il supporto a codec H.265 e HEVC. Il nuovo hardware presentato oggi sarà già compatibile con questo nuovo codec, così come lo saranno tutte le macchine compatibili con High Sierra.