Dopo anni di consultazioni nel Parlamento Europeo, è arrivato il momento che tutti stavamo aspettando, ovvero, l’addio al roaming. Da oggi chiamare, inviare sms e navigare su internet da un qualsiasi Paese UE, avverrà allo stesso prezzo che nel proprio, in base al proprio piano tariffario dell’operatore, senza costi aggiuntivi e nel rispetto delle condizioni previste dal Regolamento Europeo 2016/2286.

Nel mese di ottobre 2015 è stato raggiunto l’accordo a livello di Unione Europea per l’abolizione del roaming a partire da metà giugno 2017. Già dal 30 aprile 2016 ci fu un primo taglio dei costi di 0,5 euro al minuto per le chiamate, 0,02 euro per gli sms e 0,05 megabyte per la connessione dati.

Roaming abolito in europa

Utilizzare il telefono all’estero era diventato un vero e proprio problema, perchè comportava dei costi aggiuntivi di roaming imposti dai vari operatori, di conseguenza il prezzo di ogni sms, minuto di chiamata o megabyte di internet era molto elevato. Grazie a questa legge, l’UE ha ufficialmente abolito tutti i costi roaming in Europa. Questa riforma avrà un grande impatto sulle abitudini di milioni di cittadini, che solitamente amano viaggiare sia per svago che per lavoro e non si dovranno più preoccupare di ulteriori costi aggiuntivi rispetto a quelli già sostenuti nel proprio Paese.

In Italia alcune compagnie telefoniche hanno già cancellato i costi del roaming per i propri utenti qualche giorno prima dell’ufficialità, ad esempio, i clienti Wind e Tim, possono già usufruire di questa novità con la stessa tariffa prevista dal nostro Paese.