tim cook apple

Un’era in casa Apple sta per chiudersi, Tim Cook lascerà il ruolo di amministratore delegato. Una gestione iniziata poco prima della morte di Steve Jobs, indimenticabile guru del marchio californiano, Cook ha assunto da lui il timone dell’azienda e l’ha traghettata negli ultimi anni.

Una gestione tra luci e ombre, Apple comunque gode di buona salute e resta uno dei marchi leader del settore tech. iPhone X, smartphone che celebra il decennale di Apple nel mercato telefonico, è una sorta di saluto, Cook lascia il trono. Già, ma a chi?

Nel corso di un’intervista rilasciata a BuzzFeed News, l’amministratore delegato ha dichiarato che il suo compito è quello di formare i CEO del futuro, figure pronte a prendere le redini dell’azienda e portarla verso nuovi orizzonti. Parole che hanno il sapore di un saluto.

Tra i principali candidati spicca il nome di Angela Ahrendts, già AD di Burberry, Tim Cook però ha rispedito al mittente queste speculazioni rimettendo la scelta definitiva al consiglio di amministrazione. Apple è pronta per una svolta storica, ma c’è molto altro all’orizzonte, come ha rivelato lo stesso Cook.

Realtà Aumentata come obiettivo immediato, solita attenzione nei confronti della green economy, una posizione che cozza con la linea tracciata dal neopresidente Donald Trump. Cook è pronto a salutare, ma al momento non sappiamo nulla circa il suo successore. Staremo a vedere cosa ci riserverà il futuro.