facebook

Non è uno strumento futuristico: sono la scienza e la tecnologia applicate alla logica comune. Quindi, in questi termini possiamo descrivere il nuovo sviluppo di Facebook, che ha portato avanti un programma pilota che impedirà alle nostre foto più private che non siano rese pubbliche e virali.

Secondo il sito Mashable, Facebook ha lanciato un programma pilota che impedirà il dilagarsi della cosiddetta “pornografia della vendetta” prima che tale minaccia accada. Come? Semplice: occorre solo comunicare all’azienda chi potrebbe pubblicare un’immagine di noi senza il nostro consenso.

Un esempio semplice sarebbe il seguente: finisce una storia con un/una ragazzo/a e la cosa non finisce nei termini migliori. Quella persona ha foto private di noi e abbiamo paura che possa condividerle. Cosa fare? Notificare a Facebook la nostra preoccupazione attraverso un nuovo meccanismo.

L’idea è che il social network possa evitare di utilizzare la piattaforma per rendere il nostro peggior incubo. “Come parte del nostro continuo impegno per rilevare e rimuovere meglio il contenuto che viola le norme della nostra comunità, abbiamo utilizzato la tecnologia Image Matching per evitare che le immagini intime non consensuali siano condivise su Facebook“, ha dichiarato Antigone Davis, capo della sicurezza globale dal social network.

Attualmente il paese pilota è l’Australia, dove il social network sta lavorando con l’Ufficio del Governo per la Sicurezza elettronica, al quale gli utenti possono rivolgersi se si vuole fare una denuncia preventiva su fotografie che potrebbero diffondersi attraverso la rete. Dopo questo paese, il programma raggiungerà gli Stati Uniti e il Canada.

Un altro social network, Twitter, ha lavorato in passato per evitare che le fotografie di nudo non consensuale potesse essere postato. A partire dal 22 novembre, alcuni di questi cambiamenti nella politica di sicurezza saranno notificati a tutti gli utenti.