iphonex

BKAV Corporation è una società vietnamita specializzata in sicurezza informatica. I suoi specialisti hanno attirato l’attenzione per la tecnologia di riconoscimento facciale di iPhone X e per l’aver dimostrato che “non è una misura di sicurezza efficace” come finora sostenuto da Apple.

A tal fine, gli esperti hanno progettato una maschera utilizzando una stampante 3D. “Il naso è stato fatto a mano da un artista“, ha spiegato il suo vice presidente, Ngo Tuan An.
Abbiamo capito come funziona la sua intelligenza artificiale e come evitarla“.

In un video pubblicato dalla società stessa, uno dei suoi dipendenti dimostra l’efficacia della maschera, che riesce addirittura a sbloccare con successo il dispositivo al primo tentativo.

Più facile di quanto previsto

Finora la società non ha spiegato in dettaglio quale sia il meccanismo di funzionamento. Tuttavia, sebbene non trapeli nulla, fa sapere che è stato “molto più facile” di quanto ci si aspettasse. “Solo mezzo volto per creare la maschera. Il meccanismo di riconoscimento non è così rigoroso come si pensa“, evidenzia la società.

Bkav sottolinea che Apple non ha effettuato una “seria indagine” per quanto riguarda il riconoscimento dei volti e avverte che “miliardari, leader delle grandi aziende e agenzie come l’FBI hanno bisogno di capire il problema del sistema ‘Face ID’“.

Durante il lancio di iPhone X, il vicepresidente marketing di Apple, Phil Schiller, ha affermato che Face ID consente di distinguere il volto umano dalle maschere grazie alla sua intelligenza artificiale. Tuttavia, in questo stesso caso, Apple starebbe vivendo una posizione scomoda se la funzione non è così ermetica come si è detto.

Il device, in pratica, non ha “identificato” il suo utente e ha chiesto di immettere un codice PIN. Più tardi, si è tentato di sbloccare nuovamente iPhone X, ma allo stesso modo il sistema non ha risposto.