whatsapp

WhatsApp e i suoi mille trucchi per usarlo. Tuttavia, una delle sue caratteristiche negative è la perdita di qualità delle immagini che si inviano. Fateci caso: inviate una foto per voi bellissima, nitida e dai colori accesi. Poi, la vedete dopo averla inviata e il risultato vi porta a constatare: “però, non rende”. Qualcosa che ci disturba estremamente, ma che si può ovviare. E vi diciamo come.

Vociferano coloro che attualmente stanno indagando a fondo i beta che WhatsApp starebbe già testando migliori algoritmi di compressione per evitare la perdita di qualità delle foto. Ad ogni buon conto, se si vuole aspettare fino a quando questo aggiornamento faccia capolino sull’app, si può sempre “saltare” la compressione completa con questo trucco.

Immaginiamo che un contatto debba stampare, ritagliare o modificare una foto. Per far ciò, viene richiesta l’immagine nella sua risoluzione originale, senza la compressione brutale che aggiunge WhatsApp. La mandiamo per email? Forse non abbiamo l’indirizzo. Via Dropbox? Non lo abbiamo nemmeno configurato. Tranquilli, valutiamo ancora di poter inviare la foto da WhatsApp. Ma non come immagine:

  1. In primo luogo, andiamo sulla chat di gruppo o sul contatto in questione;
  2. Quindi, cliccate sull’icona del clip per allegare un file e, invece di selezionare la galleria fotografica, selezionate “Documento”;
  3. Infine, cercate la foto e inviatela.

Voilà! Il vostro contatto riceverà l’immagine originale proprio come è stata scattata ed elaborata dalla fotocamera del vostro smartphone. In questo modo, WhatsApp non riduce la risoluzione dell’immagine.

La soluzione ideale sarebbe, forse, quella che implementa Telegram: infatti, con quest’altra app di messaggistica istantanea, è sempre possibile scegliere di inviare rapidamente (e compressa) la foto o inviare l’immagine originale (senza compressione), consapevoli che quest’ultima occuperà più spazio e consumerà più dati mobili.