apple-seoul

Le autorità della Corea del Sud hanno fatto irruzione negli uffici di Apple in questo paese. I rappresentanti della società californiana hanno dovuto rispondere ad alcune domande da parte del governo prima dell’inizio ufficiale della vendita del nuovo iPhone X.

Secondo la stampa, la polizia ha visitato gli uffici Apple a Seoul per fare domande appositamente riguardo le loro pratiche commerciali nella nazione asiatica. E, dunque, si sarebbe poi ritirata senza dare informazioni in merito al motivo di questo interrogatorio.

I media inglesi indicano che ci sono alcune voci secondo cui il governo della Corea del Sud starebbe cercando di impedire il successo di iPhone X nel paese asiatico, perché ci sono società di tecnologia proprietarie in Corea del Sud, come Samsung e LG.

In questo paese, iPhone X ha venduto le sue scorte completamente in pre-vendita. E, nella giornata di ieri, il Black Friday del 24 novembre, Apple ha iniziato la sua vendita in tutti gli store pubblici e online, dove si prevede anche di avere grandi profitti.

E’ noto come Apple punti al mercato con l’obiettivo di sbaragliare la concorrenza asiatica già molto presente anche nei mercati occidentali. Tuttavia, l’essere messi sotto interrogatoria da parte delle autorità locali e senza nè motivo nè spiegazioni deve aver indispettivo i vertici di Cupertino. Quindi, si attendono sviluppi.