dipendenza-smartphone

Secondo un sondaggio del Pew Research Center di Washington DC, il 46% della popolazione americana afferma di non poter vivere senza il proprio telefono cellulare. Un risultato che dovrebbe essere interpretato come un’esagerazione, ma che denota la dipendenza, in crescita, generata attorno a questi dispositivi.

Ma attenzione: l’uso eccessivo di telefoni cellulari e di Internet ha conseguenze che vanno oltre il deterioramento della vista. Ed è quello dimostrato da uno studio condotto dai ricercatori dell’Università della Corea del Sud), a Seoul. Gli smartphone ed il loro abuso causano squilibri chimici nel cervello, almeno tra i giovani.

Seo Hyung Suk, direttore della ricerca presentata in occasione dell’annuale Radiological Society of Nord America di Chicago, spiega che “abbiamo bisogno di ulteriori studi per comprendere le implicazioni cliniche dei nostri risultati, ma crediamo che l’aumento della concentrazione di GABA sia associato alla dipendenza dal cellulare e da Internet e può essere correlato ad una perdita funzionale di integrità e regolamentazione della rete neurale cognitiva ed emotiva“.

Schermi di sbilanciamento: il tempo che le persone trascorrono interagendo con i nostri vicini si sta riducendo. E non solo viene ridotto, ma direttamente divorato, a beneficio di smartphone ed altri dispositivi elettronici come laptop e tablet. Soprattutto nel caso di bambini, adolescenti e giovani.

Ma questa abusiva abitudine digitale ha qualche effetto, a breve o lungo termine, sul cervello? Per rispondere a questa domanda, gli autori hanno condotto uno studio su 38 adolescenti con un’età media di 15,9 anni, metà dei quali ha fatto uso normale dei loro telefoni cellulari (gruppo di controllo) e all’altra metà era stata diagnosticata dipendenza da telefoni cellulari e Internet.

Quel che hanno fatto è stato analizzare il loro cervello attraverso la risonanza magnetica mediante spettroscopia (MRS), un test di immagine che consente la misurazione della composizione chimica del cervello. Gli autori si sono concentrati sui livelli di due neurotrasmettitori, cioè due delle molecole che consentono la trasmissione di informazioni tra i neuroni. Specificamente, l’acido amminobutirrico (GABA), responsabile dell’inibizione e rallentamento dei segnali cerebrali, e il glutammato/glutammina (Glx), responsabile dell’aumento dello stato di eccitazione elettrica dei neuroni.

E, in base ai risultati, i dipendenti ai dispositivi mobili e internet hanno mostrato, rispetto al gruppo di controllo, un aumento del rapporto di GABA/Glx nella corteccia anteriore, l’area del cervello coinvolto nella regolazione di diverse funzioni autonome (tra gli altri, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna).