Tempo di lettura: 3 minuti

Perché Apple ha un vantaggio di due anni sui dispositivi Android

La maggior parte dei telefoni Android dovrà attendere fino al 2019 per emulare i sensori 3D del sistema di sicurezza Face ID di Apple, lasciando Samsung e altri concorrenti senza una tecnologia che costerà miliardi di dollari.

La creazione di nuove funzionalità per i circa 1.500 milioni di smartphone avanzati scambiati annualmente è stata al centro di una battaglia globale per la quota di mercato negli ultimi dieci anni. Che è stata spesso guidata da Apple e dal suo enorme budget fornito alla ricerca e allo sviluppo.

Ad esempio, quando iPhone 5S è stato lanciato con un tasto di lettura delle impronte digitali nel settembre 2013, il più grande rivale di Apple, Samsung, ha necessitato di alcuni mesi (fino ad aprile dell’anno successivo) per presentare il suo Galaxy S5.

Si spera che la tecnologia dei sensori 3D migliorerà la prossima generazione di telefoni cellulari, consentendo un riconoscimento facciale accurato e un sistema di sicurezza biometrico per effettuare pagamenti, sensori di gesti e giochi ed esperienze di shopping coinvolgenti.

La società di analisi tecnologica Gartner prevede per il 2021 che il 40% dei telefoni avanzati sarà dotato di fotocamere 3D, che possono essere utilizzate anche per sistemi di realtà aumentata, in cui gli oggetti digitali sono mescolati con le immagini del mondo reale. “Questo tipo di funzionalità sarà molto importante per l’AR“, ha dichiarato Jon Erensen, analista di Gartner. “Penso che sia qualcosa per cui non vorresti rimanere indietro”, ha detto.

Ritardo del componente

I ritardi nell’invio di componenti chiave implicheranno che l’adozione in massa della tecnologia dei sensori 3D non si verificherà fino al prossimo anno. Ciò significa che i rivali cinesi come Huawei, Xiaomi e altri possono dover aspettare quasi due anni per eguagliare Apple in questo settore, che ha lanciato lo scorso settembre Face ID viso quando ha introdotto il suo iPhone X.

In particolare, i produttori di dispositivi Android hanno difficoltà ad accedere ai raggi laser VCSEL che rilevano la profondità degli elementi, una parte essenziale della tecnologia Face ID di Apple. “E ciò richiederà molto più tempo per i clienti che hanno dispositivi che funzionano su Android, garantire la capacità in tutta la catena di approvvigionamento“, ha detto Bill Ong, senior director di Viavi, fornitore leader di elementi ottici richiesti per i moduli sensore 3D. “Potremmo avere il lancio di una seconda serie di produttori con sensori di tecnologia 3D entro la fine di questo anno solare. (Ma) i volumi sarebbero molto bassi. Nel 2019 vedremmo chiaramente almeno due o più telefoni Android avanzati (con questa tecnologia)“, ha aggiunto.

Viavi era in trattative con tutti i principali produttori di questi dispositivi avanzati per fornire filtri.

Focus su fornitori

Alcuni telefoni Android con alcune caratteristiche di sensori 3D hanno raggiunto il mercato in piccole quantità, come l’Asus ZenFone AR lanciato lo scorso anno. Ma questi modelli non usano i loro strumenti per il riconoscimento facciale come fa iPhone X.

Lo sforzo di Apple di continuare a sviluppare tecnologie all’avanguardia si è riflesso più recentemente nella sua strategia aggressiva per ottenere il maggior numero di progressi in aree come Face ID, a cui può accedere grazie alla sua enorme capacità finanziaria.

L’accordo per 390 milioni di dollari che ha suggellato a dicembre il produttore di iPhone per garantire la fornitura di raggi VCSEL della firma Finisar lo dimostra. Un altro esempio sono le discussioni che l’azienda di Cupertino ha avuto con i produttori di cobalto per garantire forniture di batterie al litio ricaricabili che utilizzano i loro dispositivi.

Apple è sempre molto concentrata sulla sua catena di fornitura“. Quando si tratta di nuove tecnologie come questa, Apple può essere davvero aggressiva, differenziandosi e sfruttando la posizione che ha sul mercato.