Agenzia delle Entrate

Il caldo infernale porta le persone a guardare le email con meno preoccupazione, anche perché in questo inizio di agosto molti sono in ferie e di firmare e redigere contratti non se ne può più, soprattutto dopo un anno di fatica!

Purtroppo, tale spensieratezza non è sempre proficua, soprattutto quando si legge male una email o si cade in una truffa: in questa prima settimana d’agosto, ad essere teatro di conti correnti prosciugati è l’email di vari utenti, ma in particolare di coloro che aspettavano notizie dall’Agenzia delle Entrate. 

La truffa: ecco come avviene

La truffa, come riportato, avviene tramite email e quindi si tratta di phishing. In questi messaggi vi è sempre un elemento in comune: l’impossibilità di portare a termine l’operazione in seguito ad un problema. Pertanto, la presunta Agenzia invita il cliente ad aggiornare i dati. 

Scontato dire che il link in allegato non fa altro che indirizzare l’utente ad una pagina copia, dove una volta aggiornati i presunti dati, questi vengono rubati.

Come difendersi e non diventare vittime

L’Agenzia delle Entrate ha confermato che il messaggio proviene dall’indirizzo di posta elettronica della stessa, ma è trasmesso da un mittente che non può essere individuato.

Ad informare la popolazione italiana di tale truffa, però, è stata la polizia postale che attraverso Facebook, ha diffuso la notizia.

“Nel messaggio di posta elettronica, che contiene il logo dell’Agenzia, si informa di un presunto tentativo di rimborso non andato a buon fine e si invita ad accedere al proprio portale per elaborare manualmente la procedura. A tale scopo, viene chiesto di aggiornare le informazioni del proprio account accedendo a un link contenuto nel testo della e-mail. ”

Al fine di non cadere vittime, oltre ai consigli dati dalla Polizia Postale, ricordiamo che l’Agenzia delle entrate non contatterà mai nessuno per materie di questo genere.