truffe
Le truffe online stanno prendendo piede come non mai nell’ultimo periodo e sempre più casi di phishing stanno uscendo allo scoperto. Vittime di queste truffe sono i clienti di alcune banche italiane e non solo. 

Per chi non ne fosse a conoscenza, il Phishing è una modalità di truffa effettuata via email: chi ne cade vittima, riceve un messaggio nella propria casella di posta in cui, persone che si spacciano per il proprio Istituto Bancario o Poste Italiane, la avvisano di imminenti pericoli riguardanti i propri conti correnti.

Nel corpo del messaggio, poi, è sempre presente un collegamento al quale il cliente deve accedere affinché possa risolvere uno dei tanti finti problemi elencati, come per esempio delle modifiche burocratiche.

Una volta effettuato l’accesso con le proprie credenziali, la truffa si rivela fatta e finita e il proprio conto corrente viene svuotato in un battito di ciglia.

Come difendersi dal Phishing e dalle truffe in generale

Ormai i servizi come quello delle home banking sono sfruttatissimi e anche comodi, se si deve essere sinceri e per non rimanere truffati, è sufficiente tenere a mente alcuni piccoli dettagli. Ecco una lista sempre comoda da tenere a portata di mano:

  1. Ricordare sempre che banche del calibro di Unicredit, Intesa Sanpaolo o Istituti di credito come Poste Italiane, non contattano i propri clienti via email o SMS. Se capita, sono sempre messaggi relativi a nuove offerte o concorsi, ma mai riguardo le proprie credenziali o problemi del proprio conto corrente.
  2. In caso si dovessero verificare dei problemi col proprio conto, è sempre consigliato fissare un’appuntamento nella propria filiale o, in caso di dubbio, rivolgersi ai numeri verdi o i servizi di supporto nelle stesse app di Home Banking.
  3. Quando si visita un sito di una banca o delle Poste, per sapere se è legittimo, basta controllare il protocollo che dovrà essere https e non http.