Tempo di lettura: 2 minuti

Ralph Nader su Apple: ecco cosa dovrebbe fare con i miliardi in eccesso

Prima che Apple diventasse la prima società del mondo a valere più di 1 trilione, il CEO Tim Cook annunciò un ulteriore acquisto di 100 miliardi di azioni. La mossa è stata visionata dal difensore dei consumatori Ralph Nader, che  scrisse a Cook una lettera aperta sollevando domande sulla strategia di riacquisto della compagnia. Le domande riguardavano le strategie di mercato che secondo Nader erano sbagliate.

In un’intervista con Scott Simon di NPR su Weekend Edition sabato, Nader ha espresso ancora una volta le sue preoccupazioni, esprimendo disapprovazione su come Apple stia spendendo i suoi miliardi in eccesso.

Avrebbe potuto essere utilizzato per aumentare il numero di dipendenti, e avrebbe potuto essere utilizzato per finanziare il fondo pensione“, continua Nader sui soldi spesi da Apple dopo il riacquisto di azioni.

Inoltre, il denaro avrebbe potuto essere utilizzato per migliorare le pratiche di riciclaggio per vecchi telefoni e computer. Investimenti produttivi, ricerca e sviluppo, o addirittura restituito agli azionisti sotto forma di dividendi in contanti.

Uno sguardo anche delle condizioni dei lavoratori cinesi

Anche se Nader ammette che Apple ha lavorato per migliorare le condizioni di lavoro e creare programmi per il riciclaggio, puntualizza che potrebbe fare molto di più, soprattutto all’estero.

Il tipo di reddito che i lavoratori cinesi stanno percependo, commisurato alla pressione che ricevono tutti i giorni, non è in realtà un salario dignitoso, nemmeno in Cina“, dice Nader.

Quando Apple ha annunciato all’inizio di quest’anno che avrebbe portato altri 20.000 posti di lavoro negli Stati Uniti, ha anche affermato che avrebbe riportato miliardi di dollari. Eppure:”Mentre sanno come fare soldi enormi con i loro iPhone, potrebbero capire come usarlo in modo produttivo.

Inoltre, si lascia sfuggire di non essere più un utente Apple, nessun iPhone, nessun computer, solo la sua macchina da scrivere Underwood.