Apple

Sicuramente Apple non si sarebbe mai aspettata di ricevere delle critiche da parte di femministe per un dettaglio dei nuovi dispositivi. Le critiche sono arrivate nonostante i nuovi iPhone, fino ad ora, abbiano riscontrato solo pareri positivi.

I dispositivi coinvolti in questa critica sono i nuovi iPhone XS e iPhone XS Max. Da qualche giorno sono anche partite le vendite negli Apple Store dei due device, per iPhone XR bisognerà invece aspettare ottobre.

 

Apple criticata dalle femministe per i nuovi iPhone

Le testate giornalistiche non fanno altro che parlare dei nuovi iPhone che ha presentato l’azienda di Cupertino circa una settimana fa. Moltissime persone il 21 settembre hanno fatto ore e ore di coda per potersi portare a casa uno dei nuovi dispositivi e, tra queste persone, c’erano anche moltissime femministe. Quest’ultime hanno mandato anche delle piccole frecciatine all’azienda per le dimensioni degli smartphone.

iPhone XS e iPhone XS Max sono molto più grandi rispetto alle versioni precedenti. Hanno un display rispettivamente da 5.8 e 6.5 pollici che, tradotti in centimetri sono 14.7 e 16.5 cm. La grandezza di questi nuovi dispositivi ha scatenato le proteste soprattutto delle Femministe inglesi che, dopo la presentazione dei nuovi dispositivi hanno protestato fortemente. Secondo loro i nuovi iPhone sono inagibili per le femmine, in quanto non è possibile tenerli con una sola mano, essendo più piccole rispetto a quelle degli uomini.

Le Femministe chiedono quindi uguaglianza tra uomo e donna, in quanto il prezzo è lo stesso per entrambi i sessi. La protesta ha preso un nome molto chiaro: “We Cant’ hold iPhone“. Per il momento l’azienda non ha rilasciato alcuna dichiarazione, siamo però curiosi di sapere se il colosso di Cupertino penserà in futuro anche ad una versione più piccola, probabilmente molto apprezzata da una fetta di pubblico.