Tempo di lettura: 2 minuti

Apple

L’azienda Apple è stata citata in giudizio come responsabile della morte di un ragazzo in seguito dell’esplosione di un iPad che ha causato anche un grave incendio.

Non è sicuramente la prima volta che sentiamo parlare di un dispositivo, soprattutto di un iPad che esplode nonostante non sia provocato appositamente. Potrebbe trovarsi in un vero e proprio guaio. Ecco i dettagli.

 

Apple accusata di omicidio

Julia Ireland Meo ha citato l’azienda in quanto responsabile dell’esplosione del proprio iPad. “Se l’iPad è esploso, la colpa è di Apple“, è così che la pensa la giovane donna per la morte di suo padre. Il fatto di cui stiamo parlando risale allo scorso 22 febbraio 2018, quando l’iPad di Badley Ireland, uomo del New Jersey, avrebbe improvvisamente preso fuoco nella cucina della sua abitazione. L’esplosione ha innescato un incendio mortale nel giro di pochi istanti.

La donna ha segnalato il fatto dichiarando che il tablet fosse “irragionevolmente pericoloso e non sicuro a causa di difetti nel suo design“. L’accusa infatti sostiene che l’iPad in questione fosse un dispositivo con evidenti difetti di progettazione o fabbricazione o entrambi. Di conseguenza, sempre secondo l’accusa, mancavano adeguate avvertenze in merito al suo utilizzo nel momento in cui Apple l’ha lanciato sul mercato.

Cupertino è ora quindi chiamata a rispondere alle accuse di omicidio, rigorosa responsabilità del prodotto e morte ingiusta. I danni richiesti sono davvero ingenti, oltre al pagamento delle spese legali che non sono specificate ma sottintese. Sono capitati rari casi in cui un iPad è esploso, anche perché si tratta comunque di un dispositivo elettronico, di conseguenza capita raramente però capita. Non ci resta che attendere, se dovesse arrivare, una risposta dell’azienda.