Apple

La candidata alla presidenza negli Stati Uniti, Elisabeth Warren starebbe prendendo di mira l’azienda Apple, insieme a tutti i colossi dell’hi-tech come Amazon, Facebook e molti altri.

Il suo scopo, una volta eletta, sarebbe quello di smembrare tutte queste aziende per poter ridurre il loro potere. Scopriamo insieme tutti i dettagli sulla vicenda.

 

Apple nel mirino della prossima candidata alle elezioni USA

Elisabeth Warren si è affermata favorevole allo smembramento dei colossi hi-tech, lo scorso venerdì 8 marzo 2019. Secondo la Warren, aziende come Apple, Facebook, Amazon e molte altre non dovrebbero avere la possibilità di offrire, con le proprie applicazioni. La Warren ha in mente un piano davvero radicale per far crollare il potere di queste aziende, proponendo anche delle restrizioni sulla libertà delle aziende tecnologiche nel controllo delle piattaforme proprietarie.

La candidata in questione vuole impedire alle aziende, inclusa Apple, di sfruttare il proprio potere monopolistico, concesso dagli App Store, imponendo delle tasse agli sviluppatori. Nell’annuncio ufficiale della Warren, quest’ultima si concentrava in particolare sulla piattaforma di e-commerce Amazon, ma la CNBC ha confermato che ha messo anche Apple nel mirino, soprattutto il suo App Store.

La sua proposta sarebbe quella di proibire alle società nominate precedentemente, di proporre servizi e applicazioni proprie sulle piattaforme e negozi online. Nel caso in cui la senatrice venisse eletta, la proposta non sarà accettata immediatamente, ma sicuramente le aziende sopra nominate dovrebbero iniziare a temerla. Arriveranno sicuramente ulteriori informazioni nei prossimi giorni.