Tempo di lettura: 2 minuti

Apple

Negli ultimi giorni non si fa altro che parlare del nuovo accordo che Apple ha stretto con Qualcomm. Dopo tantissimi anni di battaglie legali l’una contro l’altra, hanno finalmente fatto pace.

Le due aziende, oltre che aver stretto un accordo, hanno anche avviato una partnership per la fornitura dei modem 5G. Questo accordo però, a Cupertino è costato miliardi di dollari, e non solo quelli. Ecco i dettagli.

 

Quanto è costato ad Apple l’accordo con Qualcomm?

Secondo quanto riportato da UBS, l’azienda di Cupertino ha pagato 6 miliardi di dollari a Qualcomm per porre fine a tutte le cause legali in corso ed avviare la fornitura dei chip modem per i prossimi iPhone. L’accordo tra le aziende, prevede anche royalty pari a 9 dollari per ogni iPhone venduto che abbia un chip Qualcomm, sicuramente una bella somma a fine anno, considerando tutti i dispositivi che l’azienda vende.

Le cifre appena menzionate non sono ancora ufficiali, visto che entrambe le aziende non hanno condiviso alcun particolare dell’accordo. Provengono infatti da fonti definite “molto vicine” ad entrambe le società. UBS da parte sua ha confermato che Apple si sia convinta ad accordarsi con Qualcomm per i chip modem, in quanto quelli di Intel non soddisfacevano la sua richiesta.

I chip modem in questione, saranno probabilmente montati sugli iPhone che verranno presentati nel 2020. Possiamo affermare che per Cupertino deve essere stata una scelta “obbligata” dato che sicuramente non produrrà i propri chip 5G prima del 2020.