Wind

Wind Italia ha fatto arrabbiare qualche utente di troppo questo mese e la motivazione dietro tutto ciò non è apparente come potrebbe sembrare. I soggetti di questo nuovo discontento sono, infatti, gli addebiti straordinari che i clienti dell’operatore nazionale hanno dovuto subire. A cosa ci riferiamo? Beh, al costo che la navigazione in internet richiede al momento dell’esaurimento del credito telefonico: vediamo i dettagli.

Wind: fino ad 1.98€ in più al mese se si esaurisce il credito telefonico

Wind Italia ha deciso di fare una sottospecie di regalo ai suoi clienti che però si è rivelato più un fastidio che un dono. Dedicato a chi ha finito il credito residuo e non può fare a meno di rimanere connessi, la nuova impostazione introdotta da appena qualche tempo prevede il pagamento di 0.99 centesimi per rimanere connessi. Il massimo addebitabile corrisponde ad 1,98€ ossia due giorni.

Il servizio si attiva automaticamente in due casi: all’esaurimento del credito residuo e al termine dell’abbonamento che non si rinnova per mancanza di credito. Il cliente non ha la facoltà di controllare l’attivazione se non tenendo sempre sotto controllo il proprio credito e non facendolo esaurire. In aggiunta a tutto ciò, comunichiamo a chi ci legge che l’addebito non avverrà subito ma bensì il mese successivo, andandosi a sommare in automatico al costo che si sopporta per il proprio abbonamento.

Rimanere sempre connessi, quindi, è possibile ma il tutto ad un duro prezzo che non tutti sono disposti a pagare. Ricordiamo, infine, che tutto cioè è stato causa di molti migrazioni in casa TIM, dove è attiva la medesima etica.