Le aziende tecnologiche stanno ancora investendo enormi quantità di tempo ed energia in prodotti per la casa SMART, come ha mostrato il recente Consumer Electronics Show. Un anno fa, Apple ha assunto un nuovo responsabile per i prodotti per la casa, ma ciò non ha ancora reso chiare le intenzioni dell’azienda a riguardo.

La più grande mossa finora è quella di unire le forze di Apple con i suoi concorrenti per formare un’alleanza per incoraggiare anche gli altri concorrenti a fare lo stesso. È un buon inizio, e si spera che Apple possa iniziare a portare avanti il suo HomeKit già nel 2020.

Ricordiamo però che la società è uscita dal mercato dei router domestici qualche tempo fa, con l’interruzione della linea AirPort. E poichè le case di oggi richiedono una connettività wireless solida, ed Apple non ha nulla, probabilmente vedremo in futuro una sorta di collaborazione? Un sistema di rete mesh costruito da Apple alla Eero di Amazon sembra anche un’ottima soluzione.

Apple AirPort Extreme

Apple deve inoltre considerare la sicurezza e la privacy dei propri clienti. Ha trascorso del tempo ad aggiornare il suo software, in particolare Safari, per scoraggiare la profilazione e il monitoraggio dei suoi utenti, ma alcune delle informazioni personali più preziose trapelano in ogni connessione Internet attraverso l’indirizzo IP, che può fungere da identificatore univoco e fornire la geolocalizzazione.

Considerando la sicurezza di alcuni dispositivi smart-home come le telecamere di sicurezza domestiche, Apple ha iniziato a risolvere questo problema con l’introduzione di HomeKit Secure Video, una funzionalità di iCloud che memorizza audio e video da videocamere domestiche crittografate in iCloud, anziché essere archiviate sui sito web delle case costruttrici delle videocamere. È un buon inizio, ma richiede lo streaming di video attraverso una connessione internet domestica.