spiare WhatsAppWhatsApp chiude da oggi per migliaia di utenti. Erano stati avvertiti ma il momento peggiore della storia è appena arrivato per parecchie persone. Di fatti è impossibile accedere alle chat da alcuni dispositivi segnalati dal team di Facebook. La notifica, giunta ormai diversi mesi addietro, ha appena avuto effetto nei confronti di questi dispositivi. Ecco che cosa bisogna fare per continuare ad utilizzare l’applicazione.

 

WhatsApp ha chiuso le chat: utenti si riversano su Telegram

Tempi duri per chi non decide di aggiornare l’app. La nuova versione impone alcuni limiti di utilizzo per i terminali più vecchi. Sappiamo che Windows Phone è stato abbandonato del tutto a partire dal mese di Dicembre 2019. Amare notizia giungono oggi anche per gli utenti del robottino verde e per i fan più accaniti della grande mela di Cupertino.

Con effetto immediato a partire da inizio Febbraio 2020 il supporto a chat, gruppi e funzioni smette di esistere nei confronti di quelli che sono i device in lista nera segnalati da Menlo Park.

In particolare si fa riferimento ai dispositivi a marchio Android che non possono andare oltre la versione 2.3.3 di sistema. Occorre come minimo la versione successiva. Cosa che vale anche per nei confronti degli utenti Apple che a partire dalla revisione numero iOS 8 in avanti potranno riappropriarsi dei propri contatti.

Chi non vuole cambiare dispositivo per passare ad un modello più costoso ha due vie da percorrere. La prima passa per l’alternativa Telegram, valida e sempre verde con le sue innumerevoli funzioni. In caso avverso basta comprare un telefono da 30 o 40 euro con abilitata la ricezione dei messaggi WhatsApp e di tutte le sue feature presenti e future. Quest’ultima potrebbe rappresentare la strada migliore per mantenere attive le proprie conversazioni personali.