La Corte Suprema della California ha concluso che la legge statale imporrà ad Apple di pagare i dipendenti dei suoi negozi al dettaglio per il tempo che trascorrono in attesa del check-in alla fine del turno, riferisce il Los Angeles Times.

“Concludiamo che il tempo dei querelanti spesi nei locali di Apple in attesa e sottoposti a ricerche obbligatorie in uscita di borse, pacchi o dispositivi tecnologici Apple personali, come iPhone, volontariamente usati al lavoro puramente per comodità personale è risarcibile sottoforma di ore di lavoro, ‘”Il giudice principale Tani Cantil-Sakauye scrive nella decisione della corte.

La politica di Apple prevede che gli addetti al negozio al dettaglio si sottopongano a perquisizioni dei loro bagagli personali dopo essersi disconnessi prima di lasciare il negozio. La politica impone al gestore che esegue la ricerca di “chiedere al dipendente di rimuovere qualsiasi tipo di articolo che Apple potrebbe vendere” e verificare i numeri di serie della “proprio dispositivo” prima di uscire.

I dipendenti hanno dichiarato che nei giorni più intensi, potrebbero attendere anche 45 minuti affinché un responsabile o un responsabile della sicurezza sia disponibile per condurre la ricerca, secondo le regole della società. Apple ha 52 negozi al dettaglio in California.

 

Ci sarà stato qualche furto?

Inoltre la società ha sostenuto che gli addetti ai negozi potrebbero scegliere di non portare borse o dispositivi Apple personali, per accellerare o rimuovere il problema dal principio.

L’ironia e l’incoerenza di Apple devono essere notate. La sua visione dell’iPhone come dispositivo che dovrebbe essere un estensione di noi stessi, diventa vietato per i propri dipendenti, e questo è in contrasto con la filosofia della società“, ha scritto il tribunale.

Un gruppo di lavoratori ha intentato un’azione legale contro la società e la Ninth Circuit Court of Appeals degli Stati Uniti ha chiesto alla Corte suprema dello stato di stabilire se la legge dello stato della California di imporre ai dipendenti di essere risarciti per questo tempo di attesa.