Fast Company rivela che Apple ha deciso di strappare la tecnologia core 5G dall’iPhone 12 e ricominciare da capo. Il sito riporta che Apple ha “rifiutato” il design per il modulo antenna 5G fornito da Qualcomm perché è troppo ingombrante per il “design industriale ed elegante che la societù vuole per il nuovo telefono”.

La sfida per Apple di farlo in soli quattro mesi è immensa (gli iPhone iniziano le loro prime produzioni a giugno). La società potrebbe aver acquistato la divisione modem di Intel l’anno scorso, ma Intel l’ha venduta perché ha lottato per creare un modem 5G efficiente per competere contro Qualcomm. Non è un caso che la società abbia firmato un accordo di 5 anni pluriennale con Qualcomm dopo aver acquistato la divisione Intel.

 La sfida all’ultimo minuto

Inoltre, come sottolinea Fast Company, “le antenne 5G sono difficili da creare”. Questo perché il 5G utilizza frequenze più elevate che sono molto più sensibili con meno margine di errore rispetto al 4G o 3G. “Una leggera imperfezione in un’antenna potrebbe portare a problemi di connessione in seguito”, spiega Fast Company.

Aggiungere ulteriore pressione a questa situazione potrebbe essere dannoso. In precedenza, Apple aveva deciso di progettare l’antenna sul suo primo telefono 4G, l’iPhone 4, e il risultato finale non fu proprio sorprendente.

Ma per quanto riguarda il business, Apple sa perfettamenteche può creare un  design decisamente migliore di quello di Qualcomm. La sfida sta nel tempo, e se la società riuscirà nell’impresa si potrà risparmiare sui costi di produzioni e le licenze.