Questo pomeriggio Apple ha riportato i risultati del primo trimestre dell’anno fiscale 2020, offrendo uno sguardo importante sul trimestre delle vendite delle vacanze dell’azienda e lo slancio dei vari servizi di Apple. La società ha registrato utili per 4,99 per azione e ricavi per 91,8 miliardi. Entrambi hanno sovraperformato le aspettative degli analisti, che si fermavano a 4,54 dollari per azione e ricavi per circa 88,43 miliardi di dollari.

Siamo entusiasti di riportare le entrate trimestrali più alte di Apple di sempre, alimentate dalla forte domanda per i nostri modelli di iPhone 11 e iPhone 11 Pro e da record di sempre per servizi e indossabili“, ha dichiarato il CEO di Apple Tim Cook in un comunicato stampa. “Durante il periodo delle vacanze la nostra base attiva di dispositivi installati è cresciuta in ciascuno dei nostri segmenti geografici e ora ha raggiunto oltre 1,5 miliardi”.

Apple ha stimato che le entrate scenderanno tra gli 85,5 miliardi e gli 89,5 miliardi nel trimestre. È sicuramente un miglioramento rispetto al trimestre dell’anno scorso.

 

I miglioramenti di questi anni

Questo è il primo trimestre completo durante il quale sono stati messi in vendita iPhone 11, 11 Pro e 11 Pro Max. E mentre le vendite dell’iPhone si sono sostanzialmente stabilizzate negli ultimi anni, il periodo delle vacanze ha fatto registrare un lieve aumento. Gli ultimi telefoni di Apple includono il miglior sistema di fotocamere che l’azienda offre da anni e riescono a competere con successo contro la gamma Pixel di Google per le foto.

Al di fuori di iPhone, l’attività hardware di Apple è stata sostenuta da un nuovo iPad entry-level, l’Apple Watch Series 5 e, soprattutto, AirPods. A ottobre, Apple ha annunciato AirPods Pro, che presentarà un nuovo design e ha aggiunto per la prima volta la cancellazione attiva del rumore agli auricolari.

Un mese dopo, il MacBook Pro da 16 pollici è stato introdotto con prestazioni migliorate, altoparlanti notevolmente migliorati e un tasto Escape fisico. Ancora più importante, il dispositivo ha anche iniziato ad allontanarsi da Apple dalla tastiera a farfalla problematica che ha influenzato negativamente la reputazione della gamma MacBook negli ultimi anni. Si prevede che tale transizione continuerà nel 2020.