Dare il via alle cose è una dichiarazione di Apple che avverte gli investitori che “Coronavirus è stato colpito dalla” fornitura mondiale di iPhone “nella misura in cui la carenza di azioni” influenzerà i ricavi in ​​tutto il mondo “e la società non sarà più in grado di soddisfare la sua guida ai ricavi del secondo trimestre 2020.

La compagnia conferma anche che la domanda di iPhone è stata (comprensibilmente) gravemente colpita in Cina e “La situazione si sta evolvendo“. Ma non è solo la produzione degli attuali iPhone a risentirne. Il famoso sito di notizie asiatico Nikkei rivela che il lancio del nuovo entusiasmante iPhone SE2 / iPhone 9 di Apple è ora “probabilmente” influenzato gravemente mentre il vero shock è che Nikkei afferma che potrebbe anche avere un impatto sul lancio principale di iPhone 12 entro la fine dell’anno.

Il prossimo aggiornamento di Apple per il suo iPad potrebbe saltare a causa del Coronavirus. Inoltre, il sito ci tiene a comunicare che la società spera ancora di lanciare l’iPhone 9 a marzo “anche se i piani sono ancora incerti”. Nel tentativo di mitigare l’attesa, Taiwan News afferma che la società ha iniziato a spostare parte della sua produzione dalla Cina a Taiwan con AirPods, iPad e Apple Watch tra i primi ad andare in catena di montaggio.

 

La risposta degli addetti ai lavori

“Apple sta cercando di diversificare geograficamente la sua catena di approvvigionamento a causa della diffusione del virus, che ha gravemente compromesso la produzione di prodotti Apple. Si stima che almeno un terzo delle linee di produzione cinesi resteranno inattive nel primo trimestre di quest’anno “, rivelano i suoi addetti ai lavori.
La società ha anche preparato modelli iPad Pro aggiornati con un nuovo sistema di fotocamere per la prima metà del 2020 e il virus potrebbe ancora imporre ritardi o vincoli a tali piani.

“I fornitori stanno facendo del loro meglio per produrre e spedire l’iPhone entro quattro settimane. Il ritardo non può essere troppo lungo, altrimenti influenzerà la strategia di vendita dei nuovi prodotti Apple nella seconda metà di quest’anno, “ha rivelato una fonte Nikkei con conoscenza diretta della questione.