robot fattorini

Amazon è un’azienda di commercio statunitense con sede a Seattle ed è, ad oggi, la più grande Internet company del mondo. Sono milioni gli utenti Amazon che ogni giorno acquistano milioni di prodotti di tutti i tipi da questa azienda. Tra i prodotti sono inclusi dispositivi elettronici, libri, vestiti, scarpe e molto altro ancora. Qualche giorno fa il colosso mondiale dell’e-commerce ha accennato ad alcuni brevetti riportati in un articolo sul sito dell’Evening Standard. Si parla di progetti relativi a robot “fattorini”.

Infatti, in uno dei numerosi brevetti depositati da Amazon, si intende mandare avanti la realizzazione di robot simili a Wall-E, dotati di piccoli caterpillar per spostarsi o rotori per volare in aria. Sfruttando questi sistemi, i robot fattorini saranno capaci di consegnare le merci che l’utente ha ordinato. Addirittura, tra questi robot sono inclusi quelli che aspettano che il cliente provi gli abiti o i capi di abbigliamento incluse le scarpe che ha acquistato online. In tal modo, il cliente non soddisfatto dell’acquisto potrà restituire la merce immediatamente.

Come eseguiranno le consegne i probabili robot fattorini pensati da Amazon?

Tra i brevetti depositati da Amazon, vi è anche quello che prevede la messa punto di robot che potrebbero eseguire consegne viaggiando sotto la superficie del mare oppure volando. Questi androidi sarebbero guidati mediante dispositivi GPS in modo da arrivare in tempi ragionevoli a destinazione. Un’altra cosa sorprendente è che all’arrivo il robot porterà la merce dentro un armadietto. Quest’ultimo potrà essere aperto mediante un codice che solo il cliente possiede. In questo modo, la merce acquistata sarà sempre al sicuro.

L’attesa del robot per il cliente che deve provare i capi di abbigliamento acquistati rappresenta, però, la reale innovazione. Infatti, questo aspetto, permetterà di aggirare in modo più deciso l’inconveniente di acquistare online dei vestiari, cioè il non azzeccare la nostra taglia. In questo modo si riducono notevolmente il malcontento dell’acquirente che deve aspettare il reso oppure la restituzione. Secondo il brevetto depositato da Amazon, il cliente potrà ordinare più taglie di uno stesso capo così da essere sicuro di trovare la taglia giusta restituendo immediatamente gli altri.

Ovviamente, stiamo parlando solo di brevetti. Amazon, infatti, specifica che non sempre brevetti di questo tipo rappresentano gli sviluppi futuri dell’azienda. Si tratta di progetti che vengono proposti con lo scopo di riuscire a sviluppare una tecnologia che possa migliorare l’e-commerce per renderlo ancora più efficiente.