La rapida azione di Apple nel tentativo di riacquistare i miliardi di titoli di azioni che sono andate a ribasso in questi mesi ha avuto successo. Sia nel 2013 che nel 2014 la società si è affrettata ad acquistare miliardi di azioni Apple in una situazione critica, per poi rivenderle quando il valore cresceva.

Quella storia è continuata nel più recente trimestre festivo, quando il direttore finanziario di Apple, Luca Maestri, ha dichiarato di aver acquistato le azioni a 250 dollari prima che iniziassero a salire fino ad una quota massima 325 questo mese.

Ora che il prezzo delle azioni di Apple è sceso a quei livelli precedenti, la società ha l’opportunità inaspettata di continuare ad acquistare azioni vicino a quel prezzo, dopo aver stabilito che, in condizioni normali, le azioni valgono più di 325 dollari. E Apple ha chiarito che si aspetta di tornare alle normali condizioni operative non appena le fabbriche torneranno in produzione e, mentre le infezioni COVID-19 sono sotto controllo, due cose che l’azienda ha già delineato stanno accadendo.

 

Un piano strategico ben riuscito

“Apple sta cercando di tenere informati gli investitori su una situazione molto fluida e senza precedenti”, ha osservato Daniel Ives, Amministratore delegato di Equity Research presso Wedbush Securities, in un commento ad AppleInsider. Ives ha aggiunto che “i riacquisti potrebbero potenzialmente accelerare a causa di questo massiccio sell-off poiché Apple rimane un importante acquirente delle proprie azioni”.

Il recente calo del 20% di oltre $ 60 per azione rappresenta un’immersione di capitalizzazione di mercato di oltre $ 262 miliardi. Ciò significherebbe razionalmente che gli investitori temono improvvisamente una grave, estesa perdita di guadagno molto superiore a quella per cui si sono preparati solo una settimana fa, per “notizie” di poco più che l’incertezza di ciò che sarebbe successo.

Inizialmente, Apple ha riportato l’aspettativa che il suo trimestre di marzo, storicamente il trimestre meno trafficato dell’anno, dove avrebbe generato ricavi da $ 63 a $ 67 miliardi, a seconda della scala delle interruzioni causate dall’epidemia di coronavirus.