antibiotico

Sono davvero numerosi i batteri patogeni con cui ognuno di noi si ritrova a combattere durante il corso della propria vita. Alcuni di questi rispondono ad una semplice terapia antibiotica ma altri, invece, sono dei veri combattenti e non riescono ad essere debellati con gli antibiotici attualmente presenti sul mercato. Però, sembra che questo problema abbia trovato una soluzione grazie ad un sistema di intelligenza artificiale che ha individuato un super antibiotico capace di uccidere diverse specie di batteri patogeni resistenti agli antibiotici.

Ad annunciare la scoperta effettuata è stato l’ufficio stampa del MIT in un comunicato ufficiale. In quest’ultimo il MIT ha annunciato che un team di ricercatori interno, tramite algoritmi di apprendimento automatico, ha eseguito questa sorprendente scoperta. Lo studio è stato pubblicato sulla autorevole rivista Cell.

Il nuovo antibiotico, è stato già testato sui topi in laboratorio e sembra riesca ad uccidere numerosi batteri patogeni per gli esseri umani. Addirittura il nuovo super antibiotico, in due casi, ha eliminato del tutto le infezioni. L’algoritmo di AI riesce ad analizzare più di 100 milioni di composti chimici in pochi giorni. Un sistema altamente efficiente.

James Collins, professore di ingegneria medica e scienze dell’Istituto di ingegneria e scienza del MIT, ha affermato:

«La nuova piattaforma che può utilizzare il potere derivante dagli algoritmi odierni di intelligenza artificiale potrà inaugurare una nuova era di scoperta di farmaci antibiotici».

Gli scienziati hanno “addestrato” il sistema di AI per poter riconoscere il super antibiotico

Ovviamente, i ricercatori hanno “addestrato” l’algoritmo tramite modelli e database contenenti varie migliaia di strutture molecolari tra cui quelle di 1700 farmaci approvati dalla FDA americana. Una volta addestrato, l’algoritmo deve essere testato su migliaia di composti diversi per individuare molecole eventualmente utili poiché mostrano attività antibatterica. In particolare, utilizzando il loro sistema di intelligenza artificiale, i ricercatori del MIT, hanno individuato una nuova molecola che hanno chiamato “alicina” (halicin). Si tratta di una molecola in grado di uccidere diversi batteri tra cui Clostridium difficileAcinetobacter baumannii e Mycobacterium tuberculosis, pericolosi patogeni per l’uomo.

Lo sviluppo di questo algoritmo di apprendimento automatico potrebbe rappresentare una soluzione al diffuso problema dell’antibiotico-resistenza, permettendo di trovare un super antibiotico capace di distruggere i cosiddetti “superbatteri”. Ovviamente, accanto a queste speranze, i ricercatori dovranno affrontare non poche difficoltà da parte delle istituzioni mediche e delle aziende farmaceutiche di sviluppare nuovi antibiotici.