Remdesivir

L’epidemia da COVID-19 sta occupando un ruolo di primo piano ogni giorno, considerato che tutti i continenti presentano contagi. Per cui, diviene necessario trovare una soluzione per contrastarla. Qualche settimana fa, l’NIH americana ha dato il via alla sperimentazione clinica per trattare COVID-19 con Remdesivir e Kaletra. Si tratta di due farmaci utilizzati per trattare, rispettivamente, il virus dell’Ebola e dell’HIV. Ma nel frattempo di risposte da tale sperimentazione, un recente studio ha dimostrato come Remdesivir riesca a bloccare la replicazione di molti coronarivirus.

Lo studio in questione, riportato sull’autorevole rivista Journal of Biological Chemistry, chiarisce quanto finora non risultava particolarmente chiaro: il ruolo di Remdesivir nel blocco della replicazione di molti coronavirus. Un team di ricercatori dell’Università di Alberta ha notato questo peculiare ed attualmente interessante aspetto del meccanismo d’azione di questo farmaco sui coronavirus. In particolare, gli scienziati hanno analizzato l’attività del farmaco contro i coronavirus responsabili della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS).

Qual è il meccanismo d’azione di Remdesivir?

Dalla loro indagine, gli studiosi hanno notato che Remdesivir blocca l’attività di un enzima che il virus utilizza per replicarsi. Si tratta dell’enzima RNA polimerasi RNA-dipendente. Remdesivir, nel suo meccanismo d’azione, blocca l’azione di aggiunta di più subunità RNA da parte dell’enzima del virus. In tal modo, il farmaco pone fine alla replicazione del genoma virale. I ricercatori sostengono che il farmaco nato per combattere il virus dell’Ebola agirebbe come un inibitore non competitivo dell’enzima. Ma per essere più sicuri, è necessario che vengano condotti ulteriori studi ed analisi più approfondite. Proprio queste ultime potrebbero rappresentare la chiave per la progettazione di nuovi farmaci contro COVID-19.

Remdesivir rientra nella classe degli analoghi nucleotidici e nasce per combattere il virus dell’Ebola però, in realtà, le sue applicazioni sono molteplici. Infatti, il farmaco viene anche utilizzato contro altri virus a RNA a singolo filamento come, ad esempio, il virus di Junin, il virus della febbre di Lassa, il virus Nipah e tanti altri. La speranza dei ricercatori è che, a distanza di qualche tempo, si possa individuare un’attività del  Remdesivir anche su COVID-19, responsabile dell’epidemia che sta preoccupando il mondo intero.