Anche l’azienda americana Apple si è adeguata al nuovo decreto firmato la sera dell’11 marzo 2020 dal Presidente Conte. Il colosso californiano, già dal pomeriggio dello stesso giorno aveva però annunciato la chiusura a tempo indeterminato di tutti i propri Store italiani.

La decisione è stata presa per evitare assembramenti di persone e cercare di frenare la diffusione del nuovo coronavirus, che negli ultimi giorni sta mettendo in ginocchio l’Italia ed il mondo intero.

 

Apple chiude gli Store in Italia

All’interno di una dichiarazione rilasciata da Mark Gurman, di Bloomberg, Apple nella serata dell’11 marzo ha sottolineato che “la nostra priorità rimane la salute a la sicurezza di tutti nelle comunità in cui siamo presenti. Tenendo presente ciò, i nostri negozi in Italia saranno chiusi fino a nuovo avviso. Comprendiamo che i clienti potrebbero aver bisogno del supporto di Apple durante questo periodo difficile e garantiremo che il nostro supporto online e telefonico, così come nell’Apple Store Online, resti a disposizione per gli utenti. Monitoreremo attentamente la situazione e non vediamo l’ora di aprire i nostri negozi il più presto possibile“.

Durante il discorso, il Presidente Conte ha disposto la chiusura di tutti i negozi non essenziali fino al prossimo 25 marzo 2020. Ancora oggi sul sito ufficiale di Apple è presente l’indicazione che dice: “a seguito delle misure di precauzione sanitaria attualmente in vigore, questo store rimarrà chiuso fino a data da destinarsi. Visita getsupport.apple.com per ricevere supporto online. Ci scusiamo per il disagio“.

Il provvedimento preso dal Governo esonera dalla chiusura anche i negozi di “non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici” anche se il motivo non è chiaro, non essendo beni di prima necessità come potrebbe essere l’approvvigionamento di cibo.